Sergio Roic - Dany Stauffacher vive a Lugano o a Timbuctù? La mediazione tra Molino e la città di Lugano è una cosa seria
Sergio Roic - Dany Stauffacher vive a Lugano o a Timbuctù? La mediazione tra Molino e la città di Lugano è una cosa seria
Foto CdT
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Su segnalazione di un’amica ho guardato in differita la trasmissione “Matrioska” su Teleticino di ieri sera, 15 giugno.

Durante la trasmissione uno degli invitati, il signor Dany Stauffacher, che non conosco e che mi guarderei bene di criticare sul nulla, si è appellato al ruolo dei socialisti nell’affaire del Molino e della sua demolizione. In particolare, se l’è presa col sottoscritto che sarebbe apparso “dal nulla” a commentare la situazione di quell’infausta notte non essendosi precedentemente occupato della situazione di tensione venutasi a creare.

Vorrei invitare il signor Stauffacher, che forse vive davvero a Lugano ma che magari in anni recenti ha passato parecchio tempo a Timbuctù, a rileggersi le numerose prese di posizione di AIDA – Associazione idea autogestione – di cui sono membro e anche uno dei fondatori. L’associazione, in questi ultimi anni, si è occupata e preoccupata di promuovere l’idea di autogestione a Lugano e in Ticino e di instaurare un dialogo (ricordo solo l’evento di un anno e mezzo fa nell’aula magna dell’USI coorganizzato dal rettore Boas Erez e da AIDA dove di fatto politici e società civile incontrarono proficuamente l’assemblea del Molino).

Vorrei, inoltre, ricordare a Stauffacher le trasmissioni a cui ho partecipato in tempi non sospetti, ad esempio sulla RSI, in contrasto con l’allora municipale di Lugano Michele Bertini. Sulla vicenda del Molino e dei molinari sono stato intervistato anche dal “Corriere del Ticino” online in occasione dell’assemblea pubblica tenutasi alcuni mesi fa alla Foce.

Vorrei infine ricordargli che ero presente agli avvenimenti della notte terribile di Lugano in qualità di osservatore e di testimone e di aver personalmente mediato in via Vanoni affinché la manifestazione-occupazione molinara si concludesse senza scontri né violenze. Cosa in effetti verificatasi.

La mediazione, ormai difficilissima dopo l’infausta demolizione all’ex Macello, è una cosa seria e si confida che, quando si parla di qualcuno che la pensa magari diversamente, si abbia la decenza di informarsi sul suo conto.

AIDA, in ogni caso, continuerà a promuovere un’idea di autogestione a Lugano e in Ticino, cosa di cui si occupa e preoccupa da alcuni anni ormai.

Sergio Roic, membro di AIDA – Associazione idea autogestione

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1