Roberta Soldati - Prevenire è meglio che curare!
Roberta Soldati - Prevenire è meglio che curare!
Foto CdT
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Anche in questa occasione, i detrattori dell’iniziativa denominata “anti-burqa”, che spesso decantano a geometria variabile, a dipendenza dell’oggetto e della persona degli iniziativisi, il rispetto o meno dei diritti sull’uomo contenuti nella Carta europea (CEDU), non lesiano a proferire proclami su presunte violazioni della liberà di pensiero e di espressione religiosa. In questa confusione creata ad arte, occorre fare chiarezza, poiché i suddetti principi non sono assoluti. L’art. 9 cpv. 2 CEDU prevede che la libertà di manifestare la propria religione può essere oggetto di restrizioni, a condizione che le misure siano necessarie per tutelare una società democratica e tese alla protezione dei diritti e libertà altrui.

Come il minareto, anche il burqa è ritenuto un simbolo politico di adesione all'islam più estremo e intollerante. Non sono gli iniziativisi a sostenere questa conclusione, bensì numerosi e autorevoli studiosi dell’islam. Tali simboli non hanno dunque nulla a che fare con la nostra società, basata sul principio dell’uguaglianza e del rispetto delle libertà. L’iniziativa “anti-burqa” nasce appunto per tutelare e preservare i nostri valori democratici. In Francia questo divieto è stato codificato in una legge entrata in vigore nel 2011. Già allora i contrari invocavano una presunta violazione della CEDU. Tuttavia la Corte europea dei diritti dell’uomo rigettò le loro lagnanze, sancendo che il divieto del burqa “consente di preservare il vivere assieme, elemento fondamentale della protezione dei diritti e delle libertà altrui e consente di tutelare l’integrazione fra le persone, in quanto espressione del pluralismo, della tolleranza e spirito di apertura, senza i quali non ci sarebbe una società democratica”. Questo è quanto. Nessuno mette in discussione il fatto che oggi in Svizzera non vi siano molti mussulmani fondamentalisti, come invece avviene in numerosi Stati attorno a noi. Questo non ci mette al riparo da una situazione che potrebbe degenerare in poco tempo. Negli ultimi anni abbiamo vieppiù assistito ad una politica dei “cerotti” e del “correre ai ripari”, che a conti fatti si è rivelata tardiva e fallimentare. Di conseguenza è ora e tempo di incominciare a pensare con lungimiranza, per cui il prossimo 7 marzo diciamo SI all’iniziativa anti-burqa”, poiché “prevenire è meglio che curare”.

Roberta Soldati

Granconsigliera UDC e membro del comitato dell'iniziativa costituzionale

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1