Massimiliano Robbiani
Processioni storiche di Mendrisio: via i “Mori”. Non urtiamo la sensibilità di pochi...
©Chiara Zocchetti
©Chiara Zocchetti
Redazione
17 giorni fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Siamo alla follia! Al giorno d’oggi, il politicamente corretto, ovvero la voglia di non offendere nessuno facendolo sentire discriminato a causa dell’orientamento sessuale, del colore della pelle o di altre caratteristiche fisiche e psicologiche, sta sfuggendo di mano.

L’ultima notizia, che mi offende come cittadino e come leghista, è che alle Processioni storiche di Mendrisio non ci saranno i Mori. In pratica, inserire gli storici personaggi, che nella Bibbia hanno la pelle scura, è ritenuto da qualcuno discriminatorio e offensivo. Ma si è sempre fatto, da quattro secoli, senza che nessuno si sia mai sentito attaccato, insultato o escluso.

Da cittadino di Mendrisio, consigliere comunale, candidato per il Municipio e leghista, che difende con forza i valori tradizionali, chiedo al Comitato di fare un passo indietro e annullare questa assurda decisione.

Mi chiedo peraltro chi si sentirebbe tutelato da questa scelta, io, e so di esprimere il pensiero di molti, mi sento preso in giro.

Vorrei ricordare che spesso sono azioni come queste, o come cambiare nome ai Moretti, a aumentare episodi di discriminazione, perché verso il proibito si incanalano la voglia di trasgressione e la frustrazione di molti.

Le Processioni Storiche sono basate sulla Bibbia, sono profondamente radicate nel cuore di ogni abitante di Mendrisio e rischiano ora di diventare una barzelletta fasulla, che non potrà piacere e essere preso sul serio da cittadini e turisti.

Comitato, fai un passo indietro. Basta politicamente corretto autoreferenziale e vuoto di contenuti, sì alle tradizioni!

Massimiliano Robbiani, candidato 2 per il Municipio di Mendrisio e candidato 1 per il Consiglio comunale

 

I tag di questo articolo