Emilio Martinenghi
Preventivo 2024, speriamo il 2025 sia meglio
©Chiara Zocchetti
©Chiara Zocchetti
Redazione
16 giorni fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Prendo spunto dall’interessante editoriale del direttore della Regione apparso il 7 febbraio. Apprezzabile a mio avviso un messaggio di politica economica, di analisi - così mi piace pensare - anche fiduciosa sul nostro futuro. In parte, dunque, distanziandomi - con una certa sfumatura - da una lettura stretta, seppur molto seria e competente, della gestione finanziaria governativa. In particolare mi riferisco al debito pubblico, di cui troppo spesso non si considera l’utilità finalizzata agli investimenti ponderati e anticipatori di bisogni del paese. Nello stesso editoriale il direttore Ritzer porta un critica, su cui invece dissento, alla capogruppo PLRT.

Il dibattito in Gran Consiglio sul preventivo 2024 ha mostrato i limiti della nostra politica e di tutti i partiti in un’arena da spalti divisi e lontani e intriso di tatticismi pre-elettorali e benevolenti verso il proprio elettorato.

Questo il messaggio importante, a mio avviso, del richiamo della capogruppo Alessandra Gianella nel suo intervento con la metafora dello schianto da evitare per questa politica parlata e compiacente e, se non peggio, assente, di cui hanno dato prova molti rappresentanti del popolo. Con colpi da teatro per emendamenti ad effetto e sicuramente poco coraggiosi, ma sicuramente populisti e da richiamo all’urlo della piazza, addirittura da un partito non di sinistra. Complimenti alle donne PLRT, penso a Natalia Ferrara, Simona Genini ed alla stessa Alessandra Gianella, sindacalista la prima, membro di un sindacato al seconda e capogruppo la terza, capaci di assumere posizioni scomode, distanziandosi anche da un proprio elettorato di appartenenza.

La dignità dei nostri funzionari pubblici non si misura unicamente con un 2% di contributo come la sinistra e il Centro (?) in particolare, hanno abilmente veicolato. Dignità è rispetto personale e capacità di confronto e coraggio di chiedere anche, se necessario come lo è stato, un sacrificio  mirato e limitato, di cui poi responsabilmente sentirsi riconoscenti e, nel caso, debitori.

Ogni decisione va rispettata e le posizioni comprese secondo i diversi punti di vista. A volte però anche questa empatia di posizione si schianta, li sì, quando il parlamento non avvalla una misura di contenimento dei sussidi di cassa malati limitata a beneficiari con reddito prossimo ai fr 160’000 annui, come proposto da Simona Genini e cofirmatari PLRT.

Emilio Martinenghi, vicepresidente PLRT

I tag di questo articolo