Egidio Cescato
Postini sotto la pioggia e veicoli inadeguati allo scopo
©Gabriele Putzu
©Gabriele Putzu
2 mesi fa
Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione. La redazione si riserva la facoltà di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

“Mi sono appena cambiato … nonostante indossassi la tuta impermeabile sono di nuovo zuppo fino alle ossa.” Parola di postino.

Scena casuale colta in questi giorni di pioggia sulle strade del Mendrisiotto.

Non vedo come potrebbe essere altrimenti. I nostri postini utilizzano dei piccoli veicoli elettrici, pratici, maneggevoli, ecologici ma che hanno un piccolo difetto: mancano di tetto e quando sono in movimento l’acqua sbattendo addosso alla persona va a infilarsi dappertutto.

Quindi queste persone che svolgono un compito importante in seno alla nostra società sono costrette a lavorare in condizioni disagiate a causa di una carenza costruttiva del veicolo, probabilmente né i suoi progettisti né il committente lo hanno mai provato in un giorno di pioggia, questo è il minimo che si possa pensare.   

Il costringere a lavorare in condizioni disagiate intacca la salute e la dignità del lavoratore, ma questo pare non disturbare troppo la direzione del Gigante giallo che ostenta una disinvolta mancanza di valutazione delle conseguenze che il lavorare con panni bagnati possa causare sulla salute dei suoi dipendenti.

Egidio Cescato, Balerna

I tag di questo articolo