Partito Comunista - La criminale occupazione sionista non fermerà la Palestina!
Partito Comunista - La criminale occupazione sionista non fermerà la Palestina!
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il Partito Comunista condanna fermamente la nuova, ennesima, campagna di violenza del regime sionista di Israele, scoppiata nel corso del weekend e che dura tuttora. La polizia israeliana è dapprima intervenuta reprimendo manifestazioni legittime del popolo palestinese contro il terrore perpretrato contro di loro dalle truppe di occupazione e dai coloni sionisti armati: la soppressione delle manifestazioni e l’arresto di decine di giovani a Nazareth, Haifa, Umm al-Fahm e altre località, l’espulsione dei palestinesi dalle loro case a Sheikh Jarrah e l’impedimento dell’accesso dei palestinesi alla moschea di Al-Aqsa non sono solo provocazioni, sono crimini che non possono restare impuniti, così come lo sono i potenti bombardamenti in tutta la zona nord di Gaza che ha già provocato decine di vittime, fra cui almeno 9 bambini.

Ci uniamo quindi ai compagni del Partito Comunista di Israele e del Fronte Democratico per la Pace e l’Uguaglianza (Hadash) e ribadiamo che la lotta di liberazione palestinese a Gerusalemme sconfiggerà i piani di esproprio, di ebraicizzazione e di insediamento del governo razzista di Tel Aviv. Non ci sfugge infatti che questa escalation di aggressioni da parte del governo israeliano e delle forze sioniste mira ad annettere Gerusalemme Est e, in definitiva, l’intero territorio storico della Palestina. La violenza sionista in Palestina e in tutto il Medio Oriente è però inseparabile dal sostegno degli USA e dalla complicità dell’UE: alle nazioni sovrane che resistono alle aggressioni dell’imperialismo queste due entità impongono sanzioni ed embarghi, quando non direttamente colpi di stato e bombardamenti, ma l’aggressione sistematica di Tel Aviv e la violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni dell’ONU sono sempre tollerate al di là di qualche ridicolo comunicato di preoccupazione.

Anche Berna faccia finalmente la sua parte: il governo svizzero ritorni a una diplomazia degna di un paese neutrale e riequilibri il proprio baricentro in Medio Oriente: ultimamente infatti esso si è spostato - per non dire prostrato! - vergognosamente verso gli interessi del grande capitale israeliano e del suo regime, nonché della lobby sionista presente nel nostro Paese, fra gli altri anche nei colossi massmediatici e nelle università.

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1