Paolo Ortelli - Caro Benzina, la pesante sordità della politica nazionale
Paolo Ortelli - Caro Benzina, la pesante sordità della politica nazionale
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il recentissimo no agli stati per gli sgravi fiscali, preceduto dalle prese di posizione del Ministro Maurer ed in generale la non volontà politica nazionale di entrare nel merito del sostegno ad economia e cittadinanza sul tema del caro benzina, è senza mezzi termini uno schiaffo per i cittadini di questo paese!

In queste settimane ho provato personalmente, come immagino un po’ tutti i cittadini di questo cantone, a capire l’eventuale disegno che possa stare dietro a questa rigidità invero gratuita, se paragonata alla grande risposta pandemica di cui possiamo, qui si, veramente essere fieri.

Da qualsiasi parte si voglia leggere questa rigida e pretestuosa posizione il tutto sembra piuttosto incomprensibile! E la risposta del Ministro - “ditemi dove pensare di recuperare i costi di questa rinuncia” - ancora più disarmante.

Una situazione per giunta che pone ancora una volta in evidenza l’incoerenza sistemica all’interno delle stesse forze politiche tra chi assume ed interpreta ruoli di Governo e chi con la stessa bandiera sembra giocare un’altra partita.

Dal nostro osservatorio Canton ticinese soprattutto, sono queste le decisioni che rendono la politica e la politica federale in particolare sempre più lontana, sviluppando gratuitamente quella sindrome da “Calimero” (come se ne avessimo bisogno!) che già ci attanaglia da decenni.

Una non entrata in materia che da qualsiasi parte, e con qualsiasi sensibilità politica la si voglia analizzare, trasmette scarso rispetto e un conseguente clamoroso distacco dal paese.

Staremo pazientemente a vedere l’evoluzione della vicenda, anzi siamo veramente curiosi di capire quale possa essere il disegno dietro ad una posizione che ad oggi sembra decisamente essere un atteggiamento politicamente miope e un pochino arrogante, che non potrà purtoppo, se non corretto, che trasformarsi in un vero e proprio attacco alla solidarietà e coesione nazionale!

Perchè, ma non credo di sbagliarmi, oltre al portafoglio pesantemente alleggerito dei cittadini di questo cantone già confrontati con aumenti incondizionati dei primi delle casse malati, con inflazione e tassi ipotecari al rialzo, sarà proprio questo aspetto, l’eredità ed il segnale peggiore di questa non entrata in materia.

Paolo Ortelli, deputato PLRT

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1