Massimo Bartolini - PSE non solo lo sport
Massimo Bartolini - PSE non solo lo sport
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Sulla realizzazione del Polo sportivo e degli eventi di Lugano si è detto tutto, per quel che concerne l’importanza, a livello comunale e Cantonale, in ambito sportivo. Ma non è solo lo sport che ne beneficerebbe, ma anche la progettualità di Lugano in chiave futura e in maniera importante, l’attrattività sociale, il turismo con annessa la parte commerciale e l’indotto diretto e indiretto per la città.

La realizzazione di un progetto di questa portata è in grado di creare attrattività, verso una città che perde abitanti e fascino, soprattutto giovani abitanti e giovani famiglie e lo sport è il miglior catalizzatore sociale, non fa differenze sociali e di genere, ed è in grado di creare sinergie a tutti i livelli. Un aspetto importante e sempre in crescita è il turismo sportivo, un impianto del genere darà la possibilità di ospitare ed organizzare tornei e gare internazionali anche di molti sport definiti minori, di ospitare tifosi, appassionati e squadre di livello Mondiale, dando una visibilità enorme a Lugano con tutto quello che ci gira intorno.

La politica cittadina, è assolutamente vero, ha commesso tanti errori, non riuscendo mai a definire cosa Lugano farà da grande dopo il crollo della piazza finanziaria e del segreto bancario, purtroppo esiste ancora una certa politica, che non so come è rimasta attaccata agli anni 90 e non vede al di la del proprio naso. La stessa politica contraria al PSE è indietro di 20 anni, avevano promesso di fare, di realizzare e adesso che si parte con colpevole ritardo, vogliono ancora tergiversare, bloccare e non fare, riempiendosi ancora la bocca di bla bla bla, adesso basta bisogna realizzare e fare.

Io ho sempre sostenuto che Lugano dovrà diventare la città dello Sport e il PSE è un tassello essenziale in questa ottica. Qui si parla di costruire le basi per un futuro della città che si stacchi dai vecchi canoni, si vuole costruire un futuro attrattivo con nuovi posti di lavoro per gli adolescenti di oggi e rivitalizzare una città che attualmente è povera di grandi progetti in chiave futura e in tempi brevi.

Qualcuno ha definito Cornaredo “zona pregiata data in pasto ai privati” beh cosa ci sia di pregiato in questo momento faccio fatica a vederlo, posteggi indecorosi, un piazzale di ghiaia che anche il Circo Knie fa fatica a definirlo decente, uno Stadio logoro che perde pezzi e fa acqua da ogni buco, inoltre è una zona che dal Cinestar fino al Parco Ciani non dispone di una zona verde degna di questo nome. A progetto terminato la zona di Cornaredo sarà una zona piena di vitalità, negozi, sport, eventi, persone e uno spazio verde di 12’000 mq2, il tutto servito dai mezzi pubblici, sarà il vero centro di Lugano, perché definire centro Piazza Riforma è ormai utopico e può andare bene solo a livello turistico, con comunque un lungolago ancora indecoroso, non realizzare il PSE è fare un passo indietro di 20 anni.

Nel progetto poi si andrà a lavorare anche sulla zona al Maglio, un comparto che verrà riqualificato e dove attualmente trovano posto 3 ex discariche tra cui la “vergogna di Lugano” una vecchia discarica, dove sotto è sepolta qualsiasi cosa, che attualmente viene frequentata da uno stuolo di cani, che allegramente scaricano e senza che i proprietari abbiano il dovere morale di raccogliere. Anche qui verranno creati spazi verdi e accessibili a tutti, dove i genitori potranno aspettare i propri figli, impegnati ad allenarsi, passeggiando e rilassandosi nei nuovi spazi verdi, in riva al Cassarate o sorseggiando una bibita nella nuova struttura ricettiva, sicuramente questa è una delle più importanti bonifiche del Luganese e che andrà, anche qui, a correggere gli errori della vecchia politica.

Votare SI al PSE significa dare un segnale importante alla città, al suo futuro, ai suoi giovani, alla riqualifica e alla progettualità di una città che deve guardare al futuro e scrollarsi di dosso un po’ di politica Old style.

Significa essere al passo coi tempi con altre città della Svizzera interna senza provare imbarazzo, a livello sportivo. Io sostengo il Polo e voterò un SI enorme, nella speranza che soprattutto i giovani di oggi vadano a votare, perché il PSE è per voi e per i vostri figli.

Bartolini Massimo - Partito Verdi liberali sez. Luganese

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1