Massimo Bartolini - L’economia la politica e la responsabilità morale
Massimo Bartolini - L’economia la politica e la responsabilità morale
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Nell’ultimo anno abbiamo sentito spesso le frasi “è un atto di responsabilità”, “un dovere morale e civico” ebbene adesso mi chiedo dove sta la responsabilità sociale delle aziende e della politica? Da 12 mesi il settore economico sta chiedendo, giustamente, a gran voce aiuti economici allo Stato per le perdite economiche dovute alle restrizioni e chiusure forzate, ma chiedono anche alla popolazione di acquistare a km 0 e nei negozi del territorio e fin qui niente da eccepire, se non fosse che i dati appena pubblicati a livello Cantonale parlano di 10’000 posti di lavoro persi, di cui il 60% a scapito di lavoratrici, mentre il numero di frontalieri è in continuo aumento.. un paradosso.

Inoltre negli scorsi mesi abbiamo letto di ditte che, dopo aver comunque ricevuto aiuti finanziari, hanno licenziato senza problemi, hanno distribuito dividendi e aumentato gli stipendi di manager, ci può stare chiedere sacrifici alla popolazione, di acquistare in Ticino, fargli rispettare restrizioni per dovere civico, ma adesso tocca alle ditte e alla politica dimostrare quel dovere civico e di responsabilità, far valere quell’ attaccamento al territorio e ai residenti. Questa mancanza di responsabilità e di lungimiranza, prima o poi si rivolterà contro, perché una società senza lavoratori, con persone in assistenza non può far altro che portare ad un calo di acquisti e di spesa interna. I grandi distributori, che più di altri hanno beneficiato della chiusura dei confini, dovrebbero cominciare a invertire la tendenza nella sostituzione del personale residente e abbassare i prezzi dei prodotti, che per molti sono inaccessibili. Anche la politica dovrebbe cominciare a fare qualcosa di forte per sostenere i lavoratori residenti, bloccando il rilascio e richieste di permessi G per i prossimi 3 anni, mettere dei tetti massimi di personale frontaliero per ogni azienda e oltre quei limiti tassare fortemente per ogni singolo lavoratore estero oltre

quella soglia. Poi ci sono gli uffici URC, che invece di far fare corsi di 30 giorni per scrivere 2 lettere e un CV, dovrebbero proporre corsi di lingua, di informatica e di perfezionamento. Non dimentichiamoci anche dei comuni, del Cantone e le aziende pubbliche, che dovrebbero effettuare assunzioni SOLO di personale residente, anche a

costo di dover formare persone non qualificate. Non si può andare avanti a chiedere sacrifici e atti di responsabilità alla popolazione, facendo i finti moralisti, la popolazione ha già dimostrato tutto negli ultimi 12 mesi, adesso tocca alle aziende, allo Stato e alla politica, basta proclami e slogan elettorali, adesso servono i fatti, compattezza e unione di intendi, se no il prezzo d pagare sarà elevato per tutti.

Massimo Bartolini

Candidato consiglio comunale di Lugano

Partito Verdi liberali

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1