Lorenzo Quadri - Il “mini-lockdown” non esiste
Lorenzo Quadri - Il “mini-lockdown” non esiste
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

I contagi salgono. E certa informazione, specie a sinistra, non perde occasione per fomentare l’isteria ed evocare (invocare) un secondo lockdown.

Lo scopo dell’esercizio è chiaro. Abituare i cittadini all’idea di un nuovo confinamento. E c’è già chi, magari con il posto garantito a vita nello Stato, nel parastato o nel sindacato, si immagina di chiudere in casa la gente per altri due mesi a guardare le serie su Netflix, mentre l’Ente pubblico, con i soldi del contribuente, paga gli stipendi di tutti. Non è così che funziona.

Adesso Berna pretende di scodellarci la nuova, illuminata pensata: il mini-lockdown di due settimane. Si tratta di una presa in giro. Perché non esiste alcun mini-lockdown. Chiudere è facile. Riaprire molto meno. Specie quando i contagi non sono a zero. Anche in marzo, la chiusura (più o meno) totale doveva durare una settimana, poi due, poi tre e alla fine siamo andati avanti per mesi, con le conseguenze tristemente note. O qualcuno si immagina che il Consiglio federale avrà il coraggio di decretare la fine del lockdown e le riaperture dopo quindici giorni, quando i contagi saranno giocoforza ancora alti?

E’ scontato: venisse decretato, il mini-lockdown si trasformerebbe in maxi-lockdown. Con tutte le conseguenze economiche, sociali, ed anche umane del caso. Le chiusure non sono infatti devastanti solo per l’economia. Lo sono anche dal profilo sociosanitario. Il disastro economico con fallimenti aziendali e perdita di posti di lavoro porterà con sé un’impennata di malattie mentali, di depressioni, di invalidità per motivi psichici e di suicidi. Le persone già fragili sono, ovviamente, le più a rischio: i casi seguiti da servizi sociali ed autorità di protezione si sono aggravati a seguito del confinamento di primavera.

Invece di continuare ad evocare scenari tanto drastici quanto impraticabili, contro i quali si è espresso perfino l’ex “Mr Coronavirus” Daniel Koch (ed è tutto dire!), si punti su quello che è fattibile. Senza – come ha giustamente dichiarato il “Ministro delle finanze” Ueli Maurer – lasciarsi prendere dall’isteria. E ricordandosi che le misure alle frontiere non sono un tabù; anzi. Libera circolazione delle persone uguale libera circolazione del virus. Almeno questo, lo scorso marzo dovremmo averlo imparato.

Lorenzo Quadri

Consigliere nazionale

Lega dei Ticinesi

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1