Idil Kopkin - Alcune precisazioni per smontare i contrari all’iniziativa per la limitazione
Idil Kopkin - Alcune precisazioni per smontare i contrari all’iniziativa per la limitazione
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Alcune precisazioni per smontare i contrari all’iniziativa per la limitazione

Alcune precisazioni riguardo le frottole che si raccontano a proposito dell’iniziativa per un’immigrazione moderata: Si dice che la Svizzera senza la libera circolazione, perderebbe l’accesso al mercato internazionale. Fatto sta che l’accesso ai mercati internazionali è regolamentato dall’organizzazione mondiale del commercio OMC che regola oggi oltre il 95 % delle relazioni commerciali della Svizzera con altri paesi. L’UE all’inizio farà dei capricci, ma poi si accorgeranno che hanno bisogno di noi, bravi consumatori dei loro prodotti, e ci ri-accoglieranno di nuovo.

Si sente dire che la libera circolazione non pesa sulle nostre lavoratrici e i nostri lavoratori, soprattutto quelli di una certa età. Ma davvero? Se fosse così, allora perché l’Unione svizzera degli imprenditori si è battuta con così tanta forza per le rendite ponte per i disoccupati “anziani”? Perché sa benissimo che ce ne saranno sempre di più disoccupati “anziani”. Sa benissimo che i datori di lavoro non hanno interesse ad impiegare i nostri disoccupati “anziani” quando ci sono fiumi di giovani stranieri alle porte che costano e guadagnano meno. Che questi giovani formati all’estero siano davvero più qualificati dei nostri disoccupati è un altro discorso...

Si sente dire che chi viene in Svizzera vuole lavorare. Sì, certo, tanti sì, e fa piacere. E con un’immigrazione controllata verranno ancora a lavorare. E verranno anche i richiedenti d’asilo, perché il popolo svizzero ha e continuerà ad avere una coscienza. Ma almeno potremo dire la nostra.

Basta guardare una cifra per capire: oggi il 47,8 % degli aiuti sociali vanno agli stranieri.

Possiamo fare finta che i il problema non esista e che tutto si risolverà da solo, ma è un’illusione. Dobbiamo fare ciò che noi Svizzeri sappiamo fare: organizzarci da soli, con ponderazione, con cura. Votiamo SÌ all’iniziativa per un’immigrazione moderata!

Idil Kopkin

Giovani UDC

Canobbio

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1