Gioventù Comunista - Nuovi casi di Coronavirus: l’esercito annulli la Scuola Reclute!
Gioventù Comunista - Nuovi casi di Coronavirus: l’esercito annulli la Scuola Reclute!
Foto CdT/Chiara Zocchetti
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

La Gioventù Comunista (GC) prende atto del fatto che una recluta ticinese che ha frequentato lo scorso sabato il noto locale bellinzonese Woodstock Music Pub sia risultato positivo al Coronavirus. Le persone che erano presenti quella stessa sera nel bar dovranno ora con buona probabilità sottoporsi a una quarantena di dieci giorni. Il dato che risulta importante per la GC, però, è quello emerso in un articolo apparso il 1° luglio sul portale d’informazione Ticinonews, nel quale viene riportato che i contagi “tra i ranghi delle forze armate sono ormai centinaia” e che “è giunta notizia di alcuni contagi ad Airolo”.

La Gioventù Comunista aveva rivendicato l’annullamento di questa Scuola Reclute (SR) già lo scorso mese di marzo. Se la rivendicazione allora era per lo più legata alla tutela del diritto allo studio, minato dalla situazione precaria dovuta alla quarantena, con il procedere della pandemia l’annullamento della SR sarebbe stato più che necessario anche dal punto di vista prettamente sanitario. A maggior ragione, di fronte al recente aumento di contagi in tutta la Svizzera, la Gioventù Comunista deplora la decisione dell’esercito di effettuare la Scuola Reclute estiva: agli alti ranghi dell’esercito non interessa la salute delle proprie reclute e della popolazione svizzera intera? I risultati di questa vergognosa decisione si vedono: i casi fra le fila dell’esercito sono ormai già centinaia! Per altro, annullare la Scuola Reclute estiva non avrebbe di certo provocato dei reali problemi di effettivi nell’esercito, in modo particolare nelle truppe sanitarie.

La Gioventù Comunista rivendica dunque nuovamente l’annullamento della Scuola Reclute estiva, affinché la salute dei militi e della popolazione intera venga preservata. Allo stesso momento, la GC ribadisce il proprio invito ai neo-arruolati di scegliere l’opzione del Servizio Civile, servizio realmente utile al Paese: durante gli ultimi mesi, infatti, sono stati tantissimi i civilisti che hanno servito la popolazione aiutando in ospedali, case per anziani, eccetera.

Gioventù Comunista

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1