Giorgio Genucchi - Finalmente realizziamo il Polo Sportivo e degli Eventi
Giorgio Genucchi - Finalmente realizziamo il Polo Sportivo e degli Eventi
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Sono un abitante della Valle di Blenio e da sempre seguo lo sport ticinese, il calcio in particolare avendo ospitato nell’hotel di famiglia la prima squadra del Football Club Lugano negli anni 1960 fino al 1995. Il prossimo 28 novembre i cittadini di Lugano saranno chiamati alle urne per accettare o meno il referendum contro la realizzazione del PSE.

Da anni si discute di questa importante infrastruttura il cui credito è stato finalmente approvato, quasi all’unanimità dal Consiglio Comunale di Lugano, nello scorso mese di marzo. Il PSE prevede la realizzazione di infrastrutture importanti per i nostri giovani provenienti da tutto il Cantone, in grado di garantire alle società sportive l’accesso alle leghe nazionali sportive d’élite. Oltre allo stadio di calcio con una capienza di 10’000 posti, verrà realizzato un palazzetto dello sport con una palestra plurifunzionale di 3000 spettatori. Le ricadute economiche sono indiscutibili sia a breve sia a lungo termine. Progetto che, aspetto non meno importante, darà forma e nuova linfa ad un intero comparto cittadino.

Con il progetto del Polo Sportivo degli Eventi la città di Lugano si distingue sia a livello nazionale che internazionale. Come contribuente cantonale sono a favore di quest’opera, pensata con attenzione ambientale e voluta per le generazioni future.

Gli argomenti a favore di quest’opera sono sicuramente maggiori di quelli contro avanzati durante questi mesi di dibattito. Da giovane settantenne non posso che augurami che il movimento sportivo ed i giovani del nostro cantone, possano attraverso questa importante ed imprescindibile opera, vivere quei momenti di passione e di gioia collettiva che io ho avuto il privilegio di vivere dal lontano 1951. Qualcosa che ha contribuito a dare senso alle mie esperienze e nel sentirmi parte della grande comunità di questo cantone.

Oggi i cittadini di Lugano sono chiamati a decidere per il futuro di intere generazioni di giovani e sportivi decidendo se concedere anche a loro la fortuna che non è stata preclusa alla mia generazione. Ecco pertanto come, il mio augurio, è che la popolazione di Lugano voti con consapevolezza e coraggio un SI convinto il prossimo 28 novembre.

Giorgio Genucchi, Olivone
(già proprietario dell’Albergo Olivone e Posta)

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1