ForumAlternativo - Dpd stop allo sfruttamento e alle violazioni dei diritti sindacali
ForumAlternativo - Dpd stop allo sfruttamento e alle violazioni dei diritti sindacali
Immagine Shutterstock
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Il Forum Alternativo sostiene attivamente la petizione promossa da Unia e la relativa campagna contro i licenziamenti abusivi promossi da Dpd nei confronti di 4 delegati sindacali. I 4 lavoratori devono essere immediatamente reintegrati!

Da oramai un anno i lavoratori sostenuti da Unia si stanno battendo per migliorare le condizioni di lavoro alla Dpd caratterizzate da ritmi di lavoro forsennati, livelli salariali indecorosi, precarizzazione estrema delle condizioni di impiego, assenza di tredicesima, abusi legali e contrattuali e gravi violazioni della libertà sindacale. Grazie ad un dumping salariale sistematico Dpd promuove una chiara concorrenza sleale nei confronti delle aziende presenti nel settore e ha una grossa responsabilità per la crescente precarizzazione delle condizioni di impiego presenti nel settore della logistica.

Da tempo in azienda vige un clima di repressione culminato con il licenziamento dei 4 delegati sindacali che negli scorsi mesi avevano costituto il collettivo operaio dpd Giubiasco. L’operazione è stata pianificata dalla Dpd con un chiaro obiettivo: sbarazzarsi dei delegati sindacali che da mesi si impegnano per migliorare le condizioni di lavoro per dissuadere i lavoratori ad organizzarsi sindacalmente.

Una grave e inaccettabile violazione dei diritti sindacali garantiti dalla Costituzione federale e dall’accordo che Geopost (la società controllata dallo Stato francese proprietaria di Dpd Svizzera ) ha sottoscritto con Uni Global. Il Forum Alternativo esprime la sua vicinanza e solidarietà agli autisti licenziamenti, aderisce pertanto alla campagna promossa dai lavoratori organizzati in Unia e invita la popolazione ticinese a sostenere la petizione e a solidarizzare con i 4 delegati sindacali.

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1