Elisa Chiapuzzi - La scienza va presa sul serio
Elisa Chiapuzzi - La scienza va presa sul serio
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Numerose ricerche evidenziano gli effetti negativi sulla salute di tutti gli esseri viventi riguardo l’uso dei pesticidi sintetici (chimici) detti anche prodotti fitosanitari.

L’ Ufficio Federale dell’Ambiente (UFAM) indica i diversi effetti derivati dall’uso dei prodotti fitosanitari in agricoltura: nel suolo, nelle acque, nell’aria, sugli esseri viventi e sull’uomo. Rende attenti al fatto che i pesticidi non sopprimono solamente insetti, funghi o erbe nocive, ma eliminano anche quelli utili per mantenere in equilibrio la biodiversità. Il problema maggiore è l’accumulo di questi prodotti nella catena alimentare. L’essere umano inoltre li assimila attraverso l’assunzione orale, l’inspirazione e tramite il contatto con la pelle.

Altre ricerche scientifiche provano come i pesticidi di sintesi siano tra i responsabili come interferenti del sistema endocrino umano che causa tumori, danni al sistema immunitario, danni al sistema riproduttivo, danni cognitivi e neurologici e danni al feto. L’ OMS e alcuni pediatri osservano un’ aumento dei danni neuropsichiatrici nei bambini, quali deficit d’attenzione e iperattività, autismo ed un QI basso. Si parla di una “pandemia silenziosa” che riguarda i nostri figli.

Di fronte a questi dati è nostra premura prenderne coscienza e adattare il sistema per proteggere l’ambiente in cui viviamo e la nostra salute. Ritengo che non solo una certa fascia di popolazione debba avere accesso a cibo di qualità, ma anche che le persone e famiglie di ceto medio inferiore possano alimentarsi in modo sano e biologico. La Svizzera ha l’occasione di dare un segnale chiaro e forte ed essere da esempio anche per quanto riguarda le importazioni dall’estero.

Accettiamo le due iniziative agricole in votazione il prossimo 13 giugno, il cambiamento è ora.

Elisa Chiapuzzi, co-coordinartice I Verdi del Bellinzonese.

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1