Ospiti
Claudia Crivelli Barella - La ripresa di Mendrisio
La Redazione
Claudia Crivelli Barella - La ripresa di Mendrisio
Claudia Crivelli Barella - La ripresa di Mendrisio

La natura ci ha regalato una primavera bellissima: da anni non si vedevano cieli così blu, fioriture tanto abbondanti, verdi generosi a perdita d’occhio. Certo, abbiamo avuto mesi difficili, di chiusure, preoccupazioni e dolori, e altri ce ne aspettano. Ma che consolazione, tutta questa natura intorno, l’aria pulita, la pace nelle strade! Ora, siamo tutti un po’ giù di morale: chi per la preoccupazione per la ripresa, chi per la salute, chi per la fine di un periodo naturalisticamente idilliaco. Le aiuole sono state tosate: addio bellissima erba alta e incolta, addio fiori per le farfalle. Le strade hanno ripreso a brulicare di automobili, rombi disturbanti di moto ci tolgono la pace alla quale ci stavamo abituando con un senso di meraviglia. In un periodo così particolare, bene ha fatto la Città di Lugano ad accompagnare la ripresa con una cartellonistica motivazionale. Anche a Mendrisio sarebbe bello vedere un po’ più di vita: a me piacerebbero cartelloni con posizioni di yoga da svolgere in vari punti della Città, per fermarsi un momento e vivere tra le case, distanti ma uniti, e non soltanto dentro casa. Oppure, ballerini che irrompano nelle strade rallentando il traffico delle autovetture. O ancora, fontane che in un momento specifico della giornata spillino birra e gazzosa, per far sorridere i volti tirati. Spettacoli di magia per i bambini che forse in modo particolare hanno sofferto la condizione di isolamento. O musica che rallegri le vie, un po’come durante le Processioni, ma in questo caso non sacra: allegra il mattino (i vad vuc, ad esempio), e rasserenante verso sera. Suoni di onde (visto che al mare non andremo), di campane tibetane e strumenti meditativi, di vibrazioni benefiche che sovrastino il rombo dei motori, o che li fermino del tutto per un momento ancora di contemplazione. Oppure, oli essenziali che vivifichino l’aria: una zaffata di bergamotto o di zenzero invece della puzza di benzina, rientrando dalle commissioni. Mi vengono in mente molte idee, non tutte praticabili, ma confido nella creatività del Municipio. A questo proposito, sono molto felice che entri a farne parte Françoise Gehring Amato: una grande persona, un’ecologista e una sindacalista, una donna vicina alla gente e di grande cuore unito all’intelligenza (gran brutto affare, quando l’intelligenza procede solitaria), un’amante di Emily Dickinson e una donna forte vicina alle tematiche femminili e soprattutto a quelle ambientali. C’è speranza per Mendrisio e per tutte e tutti noi.

Claudia Crivelli Barella - granconsigliera I Verdi