Bruno Storni - Facciamo luce sulle luci
Bruno Storni - Facciamo luce sulle luci
Bruno Storni
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Facciamo luce sulle luci della pista militare dell’Aeroporto di Magadino, ma qui ci vogliono i fari!

Manca, invero, solo la formale licenza edilizia e/o autorizzazione

È quanto racconta oggi la Regione: “Le luci pista posate a inizio anni Settanta sono, dal profilo legale, corrette. Prova ne sia che vi sono documenti formali che lo attestano. Manca, invero, solo la formale licenza edilizia e/o autorizzazione. Da municipale e il consigliere nazionale socialista Bruno Storni sa benissimo che i proprietari/progettisti della stragrande maggioranza delle infrastrutture pubbliche, private o civili-militari costruite decenni fa non sono in grado di produrre tali atti”.

Sorprendente: Comuni Cantone Confederazione cestinano gli atti (piani, e perfino licenze edilizie) delle infrastrutture pubbliche, private o civili costruite decenni fa) alla faccia delle più elementari regole e prescrizioni di archiviazione di atti pubblici.

Pur essendo Municipale, Consigliere Nazionale e già Gran Consigliere (membro pianificazione del territorio) ammetto non sapere affatto che "i proprietari/progettisti della stragrande maggioranza delle infrastrutture pubbliche, private o civili-militari costruite decenni fa non sono in grado di produrre tali atti"

Così secondo l'ignoto informatore "catturato" della Regione "Manca, invero, SOLO LA FORMALE LICENZA EDILIZIA E/O AUTORIZZAZIONE " non proprio nulla, ma per l'ignoto "catturato" è tutto a posto, tanto a posto che il Cantone ha inviato il malloppo a Berna segnalando appunto "l'assenza di precedenti procedure di approvazione formale degli impianti ora oggetto di procedura federale "

Non voglio nominare altri Paesi del Mondo che potrebbero essere i queste condizioni ma spero proprio che ciò non sia prassi in Svizzera !

Altro che “Far Luce sulle Luci” come chiedo nell'interpellanza alla Confederazione qui ci vogliono i fari del Wankdorf (già Stade de Suisse)

Testo dell’Interpellanza

Facciamo luce sulle luci : irregolarità procedurali e situazione pregressa non conforme per l'illuminazione della pista militare aeroporto di Locarno Magadino

Nella risposta all'interpellanza Regazzi 19.4452 il CF conferma che i piani di sostituzione dell'illuminazione della pista militare a Locarno Magadino non possono ancora essere approvati e che l'UFAM non si è ancora espresso ma ha auspicato una perizia della Commissione federale per la protezione della natura e del paesaggio.

Ma nel documento 5603 del 13.11.2019/164.19, il Consiglio di Stato ticinese si esprime in merito al progetto di sostituzione delle luci pista dell’aerodromo militare (con uso anche civile) di Locarno con alcune affermazioni sorprendenti e si chiede quindi al CF:

1. È corretto che il progetto promosso da Armasuisse immobili è in discordanza con ben 4 ordinanze federali e la legge federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi?

2. È corretto che l’attuale impianto fisso, che si vuole sostituire, è stato posato in assenza di procedure di approvazione formali?

3. Come mai non si è proceduto perlomeno con una procedura di esame di impatto ambientale per il progetto di posa del nuovo impianto?

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1