Alessandro Speziali - Vogliamo essere davvero responsabili?
Alessandro Speziali - Vogliamo essere davvero responsabili?
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Uno dei segni della trasformazione epocale nella mentalità dell’Occidente contemporaneo sono i giovani di oggi che hanno seppellito la speranza che la propria generazione possa conoscere un benessere maggiore rispetto a quella precedente.

Scrivendo di equità intergenerazionale corro il rischio di ripetermi, ma il chiodo va battuto fino a consumare il martello. Un partito che difende orgogliosamente la “responsabilità individuale” deve occuparsi anche della sua declinazione nella sfera collettiva. Il progresso è responsabile soltanto quando è sostenibile, cioè quando consegna alle generazioni successive un Paese in condizioni – sociali, economiche e ambientali – perlomeno non peggiori rispetto a quelle ereditate.

Da Berna a Zurigo, non c’è centro di ricerca che non metta in guardia: crisi della produttività, compressione dei salari, ostacoli all’acquisto della casa primaria e scenari horror tanto nel primo quanto nel secondo pilastro – roba da invocare la più volte citata «Greta Thunberg della previdenza». Come se non bastasse, il coronavirus ha spinto la nostra economia sulla soglia di una pesante recessione economica – e visto che la robustezza del welfare è conseguenza del benessere economico, anche la nostra anima sociale dovrebbe essere molto preoccupata.

La spia d’allarme lampeggia con sempre più insistenza perché in gioco c’è la sopravvivenza stessa del nostro sistema e della pace sociale – il famoso «contratto fra generazioni», che per chi ha meno di 50 anni somiglia sempre più a uno schema Ponzi istituzionalizzato. Di fronte a queste crepe, il PLR è chiamato a essere l’acciaio nel cemento armato che regge la coesione ticinese e svizzera. Un partito intergenerazionale è necessariamente interclassista, e questo significa investire nella scuola pubblica e nella capacità innovatrice del nostro Paese, per riattivare la ridistribuzione delle opportunità e riaccendere la speranza in un futuro davvero sostenibile.

Alessandro Speziali, gran consigliere PLR

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1