Alessandro Barbero - Lockdown e disoccupazione
Alessandro Barbero - Lockdown e disoccupazione
  • 1
    Regolamento sezione ospiti
    Il presente contributo è l’opinione personale di chi lo ha redatto e non impegna la linea editoriale di Ticinonews.ch. I contributi vengono pubblicati in ordine di ricezione e la redazione cerca di offrire a tutti la medesima visibilità in homepage. La redazione si riserva la facoltà (non sindacabile) di non pubblicare un contenuto o di rimuoverlo in un secondo tempo. In particolare, non verranno pubblicati testi anonimi, incomprensibili o giudicati lesivi. I contributi sono da inviare a [email protected] con tutti i dati che permettano anche l’eventuale verifica dell’attendibilità.

Da oggi è stato dcretato un lockdown “light” per arginare i contagi del Covid-19 che rischiano di sfuggire di mano. Sono state fatte promesse per aiutare i commercianti e le attività colpite da questa sanzione, ma non si é fatto parola di come si aiuterà i disoccupati nel difficile periodo in cui si trovano: essi vittime due volte della situazione, quella che colpisce tutti quanti e quella di aver perso il lavoro a causa della stessa. Con il lockdown si dimentica che le aziende congelano tutte le attività di reclutamento di nuovo personale, non pubblicano annunci, non fanno colloqui e non sono nella situazione di poter formare i neo-assunti. Addirittura arrivano a rivedere i budget per il nuovo personale, bloccando o cancellando le nuove posizioni previste a causa dell’incertezza della situazione. A fronte di questo cosa pensa di fare il Consiglio Federale per sostenere i cittadini che si

trovano in questa delicata e, spesso difficile, situazione? Durante il primo lockdown furono date 6 mensilità a ciascun disoccupato, forse un po’ troppo, ma adesso è impensabile ignorare il problema. E ancor piu impensabile ignorarlo in Ticino, dove i disoccupati sono toccati anche dalla difficile situazione italiana e dai suoi molti cittadini che cercano posti di lavoro nel nostro Cantone, oltretutto favorendo il dumping salariale e invogliando dinamiche di sostituzione. Il Consiglio Federale e le autorità Cantonali e Cittadine devono intervenire subito, a difesa della frangia di popolazione più povera e fragile favorendo l’assunzione di residenti disoccupati e in assistenza. Attendiamo le nuove statistiche sul frontalierato. Ben pochi posti di lavoro sono stati creati nel 2020 e nel primo mese del 2021. Se dovesse esserci un aumento come si spiegherà?

Alessandro Barbero

Candidato al Consiglio Comunale di Lugano - Lega dei Ticinesi

Ultime Notizie: Ospiti
  • 1