Magazine
Vaiolo, il 95% delle infezioni da rapporti sessuali
Immagine Shutterstock
Immagine Shutterstock
un mese fa
Secondo lo studio, il 98% degli infetti erano omosessuali o bisessuali. Il 41% era infetto dal virus dell’HIV e l’età mediana era di 38 anni

Secondo uno studio, il 95% dei casi di vaiolo delle scimmie sono il risultato di infezioni causate da contatti sessuali. Gli scienziati hanno valutato 528 infezioni confermate in 16 paesi tra il 27 aprile e il 24 giugno. «È importante sottolineare che il vaiolo delle scimmie non è una malattia venerea tradizionale, ma può essere trasmesso attraverso qualsiasi tipo di stretto contatto fisico», ha detto John Thornhill, autore dello studio pubblicato giovedì sul New England Journal of Medicine. «Tuttavia, il nostro lavoro suggerisce che la maggior parte delle trasmissioni sono legate all’attività sessuale, principalmente, ma non esclusivamente, tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini”. Secondo lo studio, il 98% degli infetti erano omosessuali o bisessuali. Il 41% era infetto dal virus dell’HIV e l’età mediana era di 38 anni.

Dibattito in seno all’OMS
A causa della diffusione del vaiolo delle scimmie, il comitato di emergenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si è riunito giovedì per discutere se dichiarare o meno un’emergenza sanitaria globale. Il capo dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, si è detto «preoccupato» per l’aumento dei casi. Non era chiaro quando sarebbe stato pubblicato l’esito delle discussioni di quasi sei ore. Durante la riunione d’urgenza di giugno, gli esperti avevano sconsigliato al Segretario generale dell’OMS di lanciare il massimo allarme. Da allora, tuttavia, i casi di infezione si sono ulteriormente diffusi e il CDC ha segnalato circa 15 400 casi in 71 paesi.

Diffusione a partire da maggio
Il vaiolo delle scimmie è un parente meno pericoloso del vaiolo, che è stato debellato da circa 40 anni e che è comunemente diffuso nell’Africa occidentale e centrale. Da maggio il vaiolo delle scimmie si sta diffondendo anche in altri paesi, soprattutto nell’Europa occidentale, compresa la Svizzera. I sintomi tipici della malattia includono febbre alta, linfonodi gonfi e pustole simili alla varicella. La malattia si trasmette per contatto con il corpo e la pelle.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata