Alla scoperta delle meraviglie di Bignasco
Sara Bellini con Ajla Del Ponte andranno alla scoperta del villaggio dove la Val Bavona si inserisce nella Val Maggia
Redazione
<b>Alla scoperta delle meraviglie di Bignasco</b>
<b>Alla scoperta delle meraviglie di Bignasco</b>
<b>Alla scoperta delle meraviglie di Bignasco</b>
<b>Alla scoperta delle meraviglie di Bignasco</b>

L’acqua che si tuffa dalla cascata Grande, che scorre lungo il letto della Maggia o che arriva spumeggiante dalla Val Bavona. L’acqua fonte di energia. Eppoi c’è il fascino della storia antica dei sassi, sassi che hanno dato vita al villaggio del nucleo con le sue case cinquecentesche, il ponte romano, la trappola del lupo... “Treks Vacanze in Ticino” vi invita in Vallemaggia, a Bignasco. Qui è cresciuta e ha fatto il carico di energia un’atleta che ha portato il Ticino e l’atletica svizzera ai vertici mondiali. Lei è Ajla Del Ponte: brillante studentessa universitaria nonché atleta d’élite con un palmarès ricco di titoli e record... “Sarà il potere energetico accumulato a Bignasco”, ipotizza con un sorriso Ajla, che si racconta lungo un percorso da lei molto amato e che la riporta all’allegra infanzia vissuta nella natura, tra un tuffo ai piedi della cascata Grande, un nascondino attorno al ponte romano, quello vicino alla Torba ‘d Padovagn del 1438, o ancora le escursioni all’antica trappola del lupo. È proprio Ajla a parlarci della sua Bignasco e lo fa con entusiasmo: “Mi piacerebbe insegnare storia, quando appenderò le scarpette al chiodo”. Si parla di atletica, dei Giochi Olimpici di Tockyo 2020 rimandati al prossimo anno, degli allenamenti tra Losanna, Ascona e l’Olanda. Poi la passeggiata termina. Un traguardo nel cuore di Bignasco che le fa luccicare gli occhi: ad attenderla ci sono i suoi nonni, Anita e Giulio. “Teniamo ogni articolo che la riguarda. Da sempre.”, dice con orgoglio la nonna. Lasciamo Ajla a Bignasco e ai suoi affetti, sicuri che di articoli da ritagliare ce ne saranno ancora parecchi...

  • 1