Magazine
TikTok agli utenti Usa: "Fate sentire la vostra voce"
© Shutterstock
© Shutterstock
Keystone-ats
un mese fa
"Crediamo di poter superare questa situazione insieme. Proteggi i tuoi diritti costituzionali. Fai sentire la tua voce", ha detto il ceo.

Il ceo di TikTok, Shou Zi Chew, ha invitato gli utenti americani alla mobilitazione a tutela della popolare piattaforma di condivisione dei video di proprietà della cinese ByteDance in nome dei diritti costituzionali, dopo che la Camera dei rappresentanti ha approvato ieri un disegno di legge che costringerebbe l'azienda a recidere i legami con il proprietario di Pechino o ad essere bandita negli Stati Uniti. "Crediamo di poter superare questa situazione insieme. Proteggi i tuoi diritti costituzionali. Fai sentire la tua voce", ha scritto Shou in un videomessaggio pubblicato su X, la piattaforma di Elon Musk.

Il disegno di legge

Approvato a larga maggioranza dalla Camera americana con una solida maggioranza bipartisan (352 voti a favore e 65 contrari), il disegno di legge passa adesso al vaglio del Senato dove il destino è incerto dato che alcuni temono una mossa drastica contro un'app popolare che ha 170 milioni di utenti negli Stati Uniti. Secondo la Casa Bianca il presidente Joe Biden ha fatto già sapere che firmerà la legge in forza del Protecting Americans from Foreign Adversary Controlled Applications Act se il testo arriverà sulla sua scrivania.

L'appello di TikTok

Dopo il voto, il numero uno di TikTok, Shou Zi Chew, ha esortato gli utenti dell'app negli Stati Uniti a parlare apertamente e condividere le loro storie, anche con i loro senatori. "Continueremo a fare tutto il possibile, incluso l'esercizio dei nostri diritti legali per proteggere questa straordinaria piattaforma che abbiamo costruito con voi", ha affermato in un video pubblicato su X. La misura, che ha preso slancio negli ultimi giorni, impone alla società madre di TikTok, ByteDance, di vendere l'app entro 180 giorni o di vederla bandita dagli app store di Apple e Google negli Stati Uniti. Dà inoltre al presidente americano il potere di designare altre applicazioni come una minaccia alla sicurezza nazionale se sono sotto il controllo di un paese considerato avversario degli Stati Uniti.

Una rabbiosa reazione cinese

Rabbiosa la reazione cinese: la mossa "si ritorcerà inevitabilmente contro gli Stati Uniti", ha commentato mercoledì il portavoce del ministero degli esteri Wang Wenbin, accusando Washington di "bullismo". Malgrado gli Usa non abbiano mai trovato prove che TikTok sia una minaccia per la sicurezza nazionale, "gli Stati Uniti non hanno mai smesso di reprimere TikTok". Secondo Wang la decisione mette gli Usa "sul lato opposto dei principi della concorrenza leale e delle regole economiche e del commercio internazionale". Da parte sua un portavoce del ministero del Commercio, nel corso di un briefing ha promesso che la Cina prenderà "ogni misura utile" a tutela delle sue compagnie.