Overture: il rilancio dei voli supersonici
Una startup statunitense vuole rilanciare il volo supersonico con passeggeri. Rispetto al Concorde, voglio abbattere costi e inquinamento
Redazione
Overture: il rilancio dei voli supersonici

A far rivivere il sogno supersonico abbandonato con il ritiro del Concorde è una start up americana, che punta a lanciare un aereo entro il 2026. Il nuovo volo di linea commerciale si chiama Overture, con cui Boom Supersonic punta a superare i due principali problemi del Concorde, ossia l’inquinamento e il costo. Tanto che lo slogan è “in 4 ore ovunque nel mondo per 100 dollari”. “O falliamo o cambiamo il mondo”, ha detto alla Cnn il Ceo Blake Scholl. “La barriera del tempo è ciò che ci tiene separati. Crediamo - ha aggiunto - sia molto importante rompere questa barriera, più di quella del suono”.

Progettato per ospitare da 65 a 88 persone, Overture si concentrerà su oltre 500 rotte principalmente transoceaniche ad una velocità pari a oltre il doppio degli attuali jet commerciali subsonici: per andare da New York a Londra ci vorrebbero solo tre ore e 15 minuti, mentre da Los Angeles a Sydney ne servirebbero otto e mezza. Boom Supersonic prevede di pilotare il prototipo di aereo XB1 in scala 1:3 “intorno alla fine dell’anno”, aprire una nuova fabbrica negli Stati Uniti nel 2022, e quindi iniziare a costruire il primo Overture nel 2023.

“Vogliamo riprendere da dove si era interrotto il Concorde e sistemare le cose più importanti, che sono la sostenibilità economica e ambientale”, ha spiegato ancora Scholl. Il suo obiettivo è che le compagnie aeree siano in grado di fissare tariffe a un prezzo simile alla business class, mentre il Concorde negli anni ‘90 costava circa 12.000 dollari per un viaggio andata e ritorno, pari a 20.000 dollari di oggi. Il sogno di “quattro ore e 100 dollari” è invece l’obiettivo a lungo termine dell’azienda: “Ci vorrà tempo per arrivarci”, ha precisato Scholl.

  • 1