Una macchina per il tampone self-service
È stata sviluppata in Cina e permette di prelevare tamponi dalla gola senza l’aiuto di personale medico. L’intero processo dura 5 minuti
Redazione
Una macchina per il tampone self-service

I ricercatori cinesi hanno sviluppato una macchina che permette agli utenti di prelevare autonomamente tamponi dalla gola per la diagnosi di Covid-19, senza l’aiuto di personale medico. “La macchina è comoda e permette agli utenti di effettuare un rapido tampone self-service per la diagnosi di Covid-19, il che ridurrà i rischi di infezioni incrociate per gli operatori sanitari”, ha detto il ricercatore capo Xiao Liehui dell’Ospedale di Shenzhen dell’Università Medica Meridionale. Sviluppata congiuntamente dall’ospedale di Xiao e da un’azienda tecnologica di Shenzhen, la macchina è stata presentata alla 22/ma edizione della China Hi-Tech Fair, che si è conclusa ieri a Shenzhen.

Come funziona

Dopo il completamento della verifica dell’identità attraverso una carta d’identità e il riconoscimento del volto, la macchina fornisce all’utente strumenti per effettuare il tampone. Seguendo indicazioni video, l’utente indossa guanti, scansiona i codici, raccoglie tamponi dalla gola e invia i campioni alla macchina. L’intero processo richiede circa cinque minuti. “Rispetto al tempo medio di tre minuti per prelevare il campione manualmente, la velocità della macchina è inferiore, ma può operare 24 ore al giorno, il che farà risparmiare molto lavoro manuale e migliorerà l’efficienza del campionamento”, ha detto Liu Yajie, vice presidente dell’ospedale.

La produzione di massa inizierà probabilmente nel 2021

Il tampone molecolare è uno dei metodi diagnostici più importanti per il Covid-19. L’attuale processo di raccolta richiede che il personale medico indossi tute protettive pesanti per stare a stretto contatto con i pazienti. L’inserimento di un tampone in gola può anche far tossire il paziente, esponendo il volto del personale medico a goccioline potenzialmente infette. Secondo una nota dell’ospedale, la macchina brevettata è stata sottoposta a sperimentazioni cliniche e la sua produzione di massa inizierà probabilmente nel 2021

  • 1