Trapianto di cuore da record su una bimba di 2 mesi
È stato fatto a Madrid, la piccola è già fuori pericolo e in fase di recupero. Il cuore utilizzato era già in arresto, fatto che apre nuove prospettive per la donazione di organi
di Keystone-ATS
Trapianto di cuore da record su una bimba di 2 mesi
Foto Shutterstock

Un trapianto di cuore su una bimba di appena due mesi in asistolia (cioè dopo che l’organo ha già smesso di battere) e da un donatore con gruppo sanguineo non compatibile: è successo all’ospedale pubblico Gregorio Marañón di Madrid. Secondo una nota del governo regionale, si tratta del primo caso di questo tipo al mondo per quanto riguarda una bambina così piccola. Inoltre, il cuore è stato trasportato a Madrid dopo esser stato estratto dal donatore in un’altra regione, anche questo un fatto inedito in Spagna. Juan Miguel Gil Jaurena, capo del reparto di chirurgia cardiaca pediatrica dell’ospedale Gregorio Marañón, definisce l’intervento “vera magia”, perché il cuore utilizzato era già in arresto e quindi è il suo battito è stato recuperato prima di poterlo trapiantare sulla ricevente.

“Fino a poco tempo fa nessuno avrebbe pensato che persone in arresto cardiaco possono diventare donatrici se riusciamo a recuperare il cuore. Così possono aumentare i casi di donazioni di questo tipo per i neonati”. La piccola Naiara, la bimba che ha ricevuto il trapianto, è nata prematura e con gravi problemi cardiaci, hanno spiegato i medici responsabili del suo caso. Adesso è già fuori pericolo e in fase di recupero, secondo l’agenzia di stampa EFE.

  • 1