I poveri sono sempre più poveri a causa del Covid
I redditi sono in calo e il livello dell’indebitamento è in aumento. È quanto emerge da uno studio pubblicato oggi dalla rete di ong europee Alliance 2015
Redazione
I poveri sono sempre più poveri a causa del Covid
Foto Shutterstock

A causa della pandemia gli abitanti dei Paesi in via di sviluppo hanno meno da mangiare e molti bambini non possono più andare a scuola. I redditi sono in calo e il livello dell’indebitamento è in aumento. È quanto emerge da uno studio pubblicato oggi dalla rete di ong europee Alliance 2015, di cui fa parte anche la svizzera Helvetas, che ha interpellato 16’000 persone di 25 paesi di quattro continenti tra ottobre e dicembre del 2020. Sono stati ascoltati residenti di città, baraccopoli, aree rurali e campi profughi.

Quasi una donna su due e più di un terzo degli uomini ha meno cibo e di qualità inferiore per sé e la sua famiglia, sottolineano gli autori della ricerca in una nota. Circa tre quarti degli intervistati affermano inoltre di avere meno soldi, perché a causa della pandemia non possono guadagnarsi da vivere come lavoratori occasionali. Oltre tre quarti ricevono inoltre meno denaro dai parenti che vivono all’estero. Conseguenza di tutto ciò è che molti di loro si indebitano. Più di due terzi degli interpellati ha dovuto prendere in prestito denaro o ha potuto fare acquisti solo a credito. Alcuni hanno venduto il loro bestiame o appezzamenti di terra, già modesti, per mancanza di denaro.

Quasi tre quarti (72%) degli agricoltori intervistati hanno guadagnato meno soldi. Non solo hanno riscontrato difficoltà a vendere i loro prodotti, ma molti non hanno potuto permettersi di comprare le sementi. “Se le colture non sono seminate al momento giusto, poi non c’è raccolto”, ha sottolineato all’agenzia Keystone-ATS Rupa Mukerji, coautrice dello studio e membro del comitato esecutivo di Helvetas.

Questo porta a un’ulteriore perdita di reddito e alla mancanza di cibo, ha aggiunto. L’organizzazione per la quale lavora ha distribuito sementi a famiglie di contadini in diversi paesi come aiuto di emergenza e le sta anche aiutando a ottenere microcrediti. La situazione è precaria anche per i bambini. Due su tre non possono andare a scuola perché sono chiuse da mesi e non ci sono altre opportunità di apprendimento. “È spaventoso che più di un quarto degli intervistati teme di non poter mandare i propri figli a scuola una volta che riaprirà”, ha aggiunto Mukerji. Non solo i bambini hanno perso molte lezioni, ma devono anche aiutare ad accudire i più piccoli, lavorare nei campi o altro a causa delle maggiori necessità delle famiglie.

La maggioranza delle donne e degli uomini interpellati era a conoscenza delle misure di protezione contro l’infezione, come il lavaggio frequente delle mani (87%) e il fatto di indossare una mascherina (81%). La capacità di seguire queste direttive è però limitata dalla mancanza di acqua, servizi igienici, sapone, disinfettante e mascherine. Anche le condizioni di lavoro e di vita in spazi ridotti impediscono ai più poveri di mantenere le distanze. Alliance 2015 aiuta le persone a produrre localmente sapone, disinfettanti e mascherine, il che crea anche opportunità di reddito locale. Helvetas, per esempio, forma i diplomati delle scuole professionali nella produzione di mascherine di stoffa riutilizzabili di alta qualità utilizzando le conoscenze dei politecnici federali.

  • 1