Deltacron? ‘Probabili contaminazioni in laboratorio’
Una variante mista tra Delta e Omicron viene smentita da diversi esperti, tra cui il professore Richard Neher dell’Università di Basilea
di Keystone-ATS/Lars
Deltacron? ‘Probabili contaminazioni in laboratorio’
Immagine Shutterstock

La presunta prova di una variante mista del coronavirus “Deltacron”, frutto della combinazione tra Delta e Omicron, individuata a Cipro è, secondo esperti, probabilmente dovuta a una contaminazione durante le analisi. “Questi genomi sono molto probabilmente artefatti”, ha spiegato all’agenzia Dpa Richard Neher, uno dei massimi esperti di varianti di virus dell’Università di Basilea. La mutazione di Omicron, che sarebbe stata osservata in relazione alle sequenze del genoma di Delta, riguarda un frammento di DNA che è spesso molto debole nel caso di tracce di Delta ed è quindi molto suscettibile di essere stato contaminato. Dichiarazioni simili sono state rilasciata su Twitter da altri esperti, quali l’epidemiologa dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Maria van Kerkhove: il risultato è probabilmente dovuto alla contaminazione durante il sequenziamento.

I casi individuati a Cipro
In precedenza circolavano notizie con riferimento a un’intervista concessa all’emittente locale Sigma TV dal professor Leontios Kostrikis dell’Università di Cipro, nella quale affermava di aver individuato 25 casi di Deltacron, una combinazione delle varianti del Covid-19 Delta e Omicron, all’origine di infezioni. “È del tutto possibile che ci siano ricombinazioni, ma finora non sono stati osservati importanti focolai con tali varianti”, ha dal canto suo sottolineato Neher. “Ma per quanto riguarda i genomi individuati a Cipro molto probabilmente non si è in presenza di combinazioni” tra Delta e Omicron. Anche un membro dello Stato maggiore della crisi pandemica greco, Gikas Magiorkinis, ha spiegato che le conclusioni di Kostrikis sono false. “Le prime analisi mostrano che si tratta di un errore tecnico del laboratorio”, ha twittato l’epidemiologo. Da parte sua Kostrikis ha oggi ribadito la correttezza dei suoi risultati.

  • 1