Magazine
Nel 2024 gli European Film Awards si terranno a Lucerna
Immagine Shutterstock
Immagine Shutterstock
8 mesi fa
È la prima volta che la prestigiosa premiazione si terrà in Svizzera e in particolare al Centro di cultura e congressi di Lucerna (KKL)

Nel dicembre 2024 Lucerna ospiterà la 37esima edizione degli European Film Awards. È la prima volta che la prestigiosa premiazione si terrà in Svizzera e in particolare al Centro di cultura e congressi di Lucerna (KKL). Simultaneamente sono previsti vari eventi legati alla produzione cinematografica europea. Lo ha annunciato in una nota odierna l’Ufficio federale della cultura (UFC) unitamente alla European Film Academy, alla città e al cantone di Lucerna e alla Società svizzera di radiotelevisione (SSR), media partner dell’evento.

Il fatto che la Svizzera sia stata scelta per accogliere gli European Film Awards “significa riconoscere la produzione cinematografica elvetica” nonché permettere alla Confederazione di “presentarsi come parte integrante della cultura cinematografica europea”, indica la nota dell’UFC. Yves Fischer, direttore supplente dell’UFC, citato nel comunicato, afferma che “fare parte di una rete europea è indispensabile per la produzione cinematografica svizzera. Ospitare gli European Film Awards permette alla Svizzera di aumentare la propria attrattività come partner per le coproduzioni.”

I prestigiosi riconoscimenti, assegnati la prima volta a Berlino nel 1988, intendono promuovere e sostenere l’industria cinematografica europea. Le premiazioni si tengono ogni due anni a Berlino e in alternanza in diverse città d’Europa come Londra, Roma o Parigi. In passato, numerose personalità del cinema svizzero si sono viste conferire questi premi, ad esempio nel 2016 Claude Barras con il film d’animazione “La mia vita da zucchina”. Nel 2010, l’attore Bruno Ganz ha ricevuto il Lifetime Achievement Award, prosegue la nota.

La premiazione verrà trasmessa in diretta in Svizzera e in Europa grazie alla SSR. Al KKL sono attese circa 1200 persone.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata