Al via il Gampel Openair, il primo dopo il lockdown
Sono attese fino a 10’000 persone al giorno. Per accedere è necessario il Covid pass ma all’esterno della struttura è stato allestito un centro di test gratuiti
Redazione
Al via il Gampel Openair, il primo dopo il lockdown

Si è aperto oggi il Gampel Openair, il primo festival in Svizzera a sottostare alle nuove regole relative al coronavirus. Ospiterà fino a 10’000 persone al giorno.

La pandemia ha obbligato il festival, che durerà fino a domenica, ad alcune modifiche: “Non inizia come solitamente il giovedì, ma sarà ripartito su tre giorni anziché quattro”, ha detto il portavoce Olivier Imboden all’agenzia Keystone-ATS. Comunque un netto passo avanti rispetto alla cancellazione dell’anno scorso.

“Fuori dall’area del festival è stato allestito un centro per i test dalla capacità di 1000 persone all’ora. Solo questa mattina sono stati effettuati 291 controlli”, ha continuato Imboden. Con la tessera della cassa malattia il servizio è gratuito.

Anche la capienza è limitata: 10’000 persone al giorno anziché le solite 35’000. Le band si esibiranno su due differenti palchi un po’ più piccoli rispetto agli ultimi anni. Non vi saranno inoltre artisti britannici o americani, ma molti provenienti da Austria, Germania e Svizzera, come ad esempio Steff La Cheffe.

Al via il Gampel Openair, il primo dopo il lockdown
  • 1