Storia e scienza
Il clima non ha portato il Neolitico in Mesopotamia
© Shutterstock
© Shutterstock
17 giorni fa
Analizzando un deposito minerale formatosi in una grotta del Kurdistan iracheno gli esperti hanno ricostruito il clima della Mesopotamia ed il suo ruolo nello sviluppo delle prime civiltà di agricoltori e allevatori.

Di crisi climatica si parla oggi, ma il fenomeno riguarda anche il passato. Un gruppo internazionale di ricercatori ha ricostruito una crisi climatica avvenuta 8'200 anni fa in Mesopotamia, una siccità durata diversi secoli: i dati smentiscono un'ipotesi di lunga data che vede il clima come un protagonista fondamentale della Rivoluzione Neolitica, quell'insieme di trasformazioni culturali, economiche e tecnologiche che hanno portato alla nascita dei primi insediamenti urbani e allo sviluppo delle prime società complesse, ridimensionando invece il suo ruolo.

Ricostruito il clima della Mesopotamia

Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, è stato portato avanti da un gruppo internazionale di ricercatori guidati dall'Istituto di Geoscienze e Georisorse del Consiglio Nazionale italiano delle Ricerche (Cnr-Igg) e dall'Università di Milano, con il contributo anche delle università di Pisa, Sapienza di Roma e Udine. I ricercatori, guidati da Eleonora Regattieri del Cnr-Igg e da Andrea Zerboni dell'Università di Milano, hanno analizzato un deposito minerale formatosi in una grotta del Kurdistan iracheno: il campione prelevato, infatti, ha "registrato" tutte le variazioni nella quantità di piogge avvenute 8'200 anni fa, permettendo così di ricostruire il clima della Mesopotamia (la regione compresa tra gli attuali Iraq, Iran, Turchia e Siria) ed il suo ruolo nello sviluppo delle prime civiltà di agricoltori e allevatori.

I risultati della ricerca

"Le analisi hanno dimostrato, per la prima volta, la scarsa rilevanza di questo evento nella regione", spiega Regattieri. "Il confronto con i dati archeologici ha invece mostrato una corrispondenza tra le variazioni delle precipitazioni e il modo in cui la popolazione del Neolitico ha sfruttato l'ambiente circostante, soprattutto in termini di distribuzione degli insediamenti e gestione delle risorse idriche".  Secondo gli autori dello studio, le comunità archeologiche della cosiddetta Mezzaluna Fertile erano molto più versatili di quanto si potesse immaginare: "In questo caso - aggiunge Zerboni - il clima ha agito solo come spinta per accelerare processi culturali già in atto".