Società
Figli di divorziati, "l'istruzione dei genitori determina il loro successo"
©Chiara Zocchetti
©Chiara Zocchetti
Keystone-ats
25 giorni fa
Uno studio mostra come "mediamente i figli di genitori divorziati sviluppano una maggiore convinzione di poter superare da soli situazioni e sfide difficili", spiega la responsabile della ricerca.

L'impatto di un divorzio sulla carriera imprenditoriale dei figli è inversamente proporzionale al livello di istruzione dei genitori. Mentre gli svantaggi prevalgono per i figli di genitori altamente istruiti, chi proviene da contesti svantaggiati può trarre vantaggio da un divorzio. Lo dice uno studio pubblicato sul "Journal of Business Venturing" che ha analizzato le carriere di 1735 lavoratori autonomi negli Stati Uniti, indica in una nota l'Università di San Gallo (HSG). Dallo studio emerge ad esempio che i figli dei divorziati sono in media più indipendenti e maturi degli altri. "I nostri risultati dimostrano che, mediamente, i figli di genitori divorziati sviluppano una maggiore convinzione di poter superare da soli situazioni e sfide difficili", afferma citata nel comunicato Isabella Hatak, responsabile dello studio. Questo "giova ai figli più avanti nella loro carriera imprenditoriale".

Perdita di risorse finanziarie

Non è tuttavia così per tutti i bambini. "L'opinione comunemente diffusa che le sfide affrontate da piccoli siano un motivo di successo imprenditoriale sembra valere solo quando i figli hanno poco da perdere dal divorzio dei genitori", scrivono gli autori dello studio. Il divorzio nelle famiglie benestanti può ad esempio portare a una perdita di risorse finanziarie. In questi casi, secondo i ricercatori, ci sono meno risorse finanziarie disponibili per attività come le ore di ripetizione.

"Meglio sostenere chi proviene da contesti svantaggiati"

Il divorzio dei genitori può cioè portare i figli di coppie benestanti a perdere alcuni dei loro privilegi, mettendoli nella stessa situazione di restrizione degli altri bambini. I ricercatori dell'HSG arrivano perciò alla conclusione che i programmi statali volti a promuovere l'imprenditorialità dovrebbero sostenere le persone provenienti da contesti familiari svantaggiati, indipendentemente dal fatto che gli svantaggi siano stati causati dal divorzio dei genitori o che esistessero già in precedenza.