Decoder
Cos'è il Consiglio d'Europa? Niente a che fare con l'UE
© Shutterstock
© Shutterstock
Redazione
22 giorni fa
Fondato dopo la seconda guerra mondiale, il CdE ha come suo obiettivo la salvaguardia della democrazia, dei diritti umani e dello Stato di diritto. Tutte le informazioni nel decoder di Ticinonews.

L'elezione di Alain Berset al ruolo di segretario generale del Consiglio d'Europa è sulla bocca di molti. In tanti però si domandano che cosa sia nello specifico questa organizzazione internazionale e quale ruolo svolga. Anzitutto, il Consiglio d’Europa, contrariamente a ciò che si può pensare, non ha niente a che vedere con il Consiglio europeo e con il Consiglio dell’Unione Europea. Se questi ultimi due sono infatti organismi appartenenti all’UE, il CdE ne è distaccato.

Storia e composizione

Fondato dopo la seconda guerra mondiale, nel 1949, il CdE ha come suo obiettivo la salvaguardia della democrazia, dei diritti umani e dello Stato di diritto. Ne fanno parte tutti gli Stati europei, fatta eccezione per Bielorussia e Russia, esclusa nel 2022 in seguito all’invasione dell’Ucraina. Un tema, questo, che è stato al centro dell’ultimo vertice tenutosi a Reykjavik nel maggio del 2023. In totale sono 46 gli Stati membri. Dieci invece i Paesi fondatori, tra cui Francia, Italia e Regno Unito. La Svizzera si aggrega più tardi, nel 1963.

La rappresentanza elvetica e l’elezione di Berset

Il Consiglio d’Europa riunisce 306 parlamentari e la Svizzera ne è rappresentata con 12 effettivi: quattro dell’UDC, tre del Partito socialista, due del PLR, due del Centro, uno di Verdi. Dagli incontri dell’assemblea è nata la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, la CEDU, punto di riferimento per la tutela dei diritti dell’uomo in Europa. L’organo giurisdizionale di riferimento, invece, è la Corte europea dei diritti dell’uomo. Alain Berset è diventato il 15esimo segretario generale del CdE e succede alla croata Marija Pejčinović Burić. Il suo mandato entrerà in vigore il 18 settembre e avrà una durata di cinque anni. Il friburghese terrà le riunioni parlamentari a Strasburgo, sede del Consiglio d’Europa.