“Con l’aumento della temperaturà, metà umanità è a rischio”
A dirlo una ricerca presentata questa mattina alla Cop26 di Glasgow, che mette in guardia sugli effetti devastanti di un aumento di oltre 1,5 gradi
Redazione
“Con l’aumento della temperaturà, metà umanità è a rischio”
Immagine Shutterstock

Se si superano 1,5 gradi di riscaldamento dai livelli pre-industriali, nel prossimo decennio quasi metà della popolazione mondiale sarà esposta al rischio di ondate di calore, siccità, inondazioni o carenza d'acqua, contro il 43% a rischio oggi. Lo sostiene una ricerca di McKinsey & Company presentata stamani alla Cop26 di Glasgow, nella giornata dedicata all'adattamento ai cambiamenti climatici.

Secondo il rapporto, in questo scenario le zone sottoposte ad ondate di calore potrebbero registrare temperature che renderebbero impossibile lavorare all'esterno nel 25% delle ore lavorative di un anno.

In uno scenario peggiore, di 2 gradi sopra i livelli pre-industriali al 2050 (oltre l'obiettivo minimo dell'Accordo di Parigi), 800 milioni di persone in più rispetto ad ora vivrebbero in aree urbane con gravi problemi idrici, a causa dell'aumento della domanda d'acqua.

Circa 100 milioni di persone (1 su 7 degli agricoltori del mondo nel 2050) sarebbero esposte a gravi livelli di siccità, riducendo la loro capacità di produrre cibo. Quattrocento milioni di persone che vivono sulle coste di mari e fiumi rischierebbero inondazioni costiere, con morti e ingenti danni materiali.

Immagine Shutterstock
Immagine Shutterstock
  • 1