"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
La modella berlinese Eva Collé ha rifiutato il contratto propostole da un prestigioso stilista... FOTO
Redazione
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"
"Meglio il sesso orale che la Fashion Week"

"Facendo due fellatio guadagno tanto quanto percepisco in due giorni di partecipazione alla Fashion Week."

Questa frase, pronunciata in un'intervista alla Süddeutsche Zeitung, riassume bene lo spirito di vita di Eva Collé, una misteriosa modella berlinese che fa parecchio parlare di sè, per quanto esibisce sulle passerelle ma soprattutto per quanto combina nella sua vita privata.

È una modella alquanto anomala, Eva Collé, la quale porta i capelli sempre cortissimi ma, in compenso, non si rade né le gambe né sotto le ascelle.

Da un paio di anni lavora a Berlino, ma nessuno sa esattamente da dove arrivi. Lei afferma di avere origini italiane, di essere cresciuta a Salerno e di essersi poi trasferita in Germania. Ma su questo aspetto non vi sono certezze.

Si sa però che, una volta giunta a Berlino, Eva ha iniziato a lavorare come fotografa. E che in seguito è riuscita a strappare qualche contratto come modella, il più prestigioso dei quali con il marchio Vêtement.

Si sa anche, come spiega il portale tedesco Stylebook, che un paio di mesi fa Eva è stata sfrattata dal suo appartamento e che da allora vive presso amici, senza un soldo in tasca. Perché tutto quello che guadagna lo spende in tatuaggi, droga e whisky. E come guadagna questi soldi? In piccola parte grazie alle sfilate, ma in buona parte, come lei stessa ammette, prostituendosi.

Un lavoro che sembra appagarla, dato che Eva, dopo che Vêtement le ha proposto di sfilare alla Fashion Week di Parigi, ha pronunciato la frase che abbiamo riportato in apertura di articolo.

Una frase che ha portato il marchio a ritirare la sua proposta. Ma Eva non se ne cura, per lei la moda è solo una delle tante opzioni di vita. Non per niente sul suo profilo Facebook si definisce solamente "fotografa freelance" e "lavoratrice del sesso".

Guarda le foto nella gallery