GB sanziona anche la “fidanzata” e l’ex moglie di Putin
Redazione

Il governo di Boris Johnson ha allargato le sanzioni anti Mosca in risposta all’invasione russa dell’Ucraina all’ex moglie di Vladimir Putin, Liudmila Oceretnaia, alla ginnasta Alina Kabaeva (indicata dai media come attuale fidanzata dello zar), a una nonna di quest’ultima, ad alcuni cugini e parenti del presidente, nonché ad alcuni altri uomini d’affari.

Lo riferisce il Foreign Office indicando che i nuovi sanzionati portano la lista nera britannica a un toltale di oltre 1000 individui e oltre 100 entità. Secondo la ministra Liz Truss, le misure odierne mirano a colpire “lo sfarzoso stile di vita” attribuita alla famiglia di Putin.

La nuova infornata di sanzioni britanniche include, secondo prassi, il congelamento di asset eventualmente riconducibili alle persone coinvolte nel Regno Unito e il divieto di viaggiare sull’isola. Secondo il ministero degli Esteri di Londra, essa porta a un totale di oltre 117 miliardi di sterline il valore stimato dei patrimoni di oligarchi, aziende e figure pubbliche russi prese di mira dall’inizio della guerra.

L’obiettivo dichiarato di quest’ultima iniziativa è quello di punire nello specifico il circolo ristretto di familiari e presunti prestanome del leader del Cremlino che sulla carta dichiarano entrate modeste, ma a cui andrebbero riferite fortune ingenti “sottratte” secondo Londra al popolo russo.

“Noi intendiamo esporre e colpire i vizi della rete opaca di persone che alimenta lo sfarzoso stile di vita di Putin e mettere sotto pressione la sua cerchia”, ha sentenziato la ministra Truss, insistendo che le sanzioni continueranno a “prendere di mira tutti coloro che aiutano o favoriscono l’aggressione di Putin fino a quando l’Ucraina prevarrà”.

Oltre a Kabaeva, ex campionessa olimpionica e deputata indicata da tempo dal gossip come la compagna di Putin, dopo il suo divorzio dall’ex first lady e madre delle sue due figlia maggiori formalizzato nel 2014 - nel nuovo elenco compare il nome della nonna di questa, Anna Zatseplina, additata come vicina all’oligarca Ghennadi Timcenko, già sanzionato. Ci sono poi i businessmen Igor Putin, Mikhail Putin e Roman Putin (cugini dello zar i primi due, lontano parente il terzo); nonché Mikhail Shelomov, altro cugino di Putin, alcuni parenti acquisiti e uomini d’affari indicati alla stregua di “amici” personali di Vladimir Vladimirovic (o almeno di figure vicine al potere) quali Aleksandr Plekhov, Mikhail Klishin, Vladimir Kolbin, Viktor Khmarin.

  • 1