Per la prima volta da novembre il tasso di riproduzione scende sotto la soglia di 0,8
Redazione

Il numero di infezioni da coronavirus continua a diminuire. In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 2156 nuovi casi di coronavirus, secondo le cifre pubblicate dall’Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) - il 10% in meno rispetto a una settimana fa. Allo stesso tempo il tasso di riproduzione (Re) è sceso per la prima volta da metà novembre sotto la soglia di 0,8. Il 12 gennaio, l’Re, che indica quante persone un infettato contagia in media con il coronavirus, era di 0,79. Con questo valore, sarebbe possibile dimezzare il numero di casi in Svizzera ogni due settimane. L’ultima volta in cui si è registrato un tale valore è stato dal 6 al 12 novembre.

Solo due Cantoni hanno un valore Re superiore a 1
Solo Obvaldo e Ginevra hanno ancora un valore Re superiore a 1 e quindi una forte diffusione della malattia. Nella maggior parte dei cantoni, il valore è compreso tra 0,8 e 1. L’obiettivo di portare il livello del tasso di riproduzione a un valore inferiore a 0,8 è stato raggiunto dieci giorni fa dai cantoni Ticino (0,70), Glarona (0,70) Basilea Città (0,73), Soletta (0,75), Svitto (0,75) Zugo (0,76) Zurigo (0,78), Zugo (0,76), Svitto (0,75), come anche da quasi tutta la Svizzera orientale.

Tasso di positività e occupazione dei letti in terapia intensiva
Il tasso di positività per le ultime due settimane è stato dell’11,8% per i test PCR e del 10% per gli antigenici rapidi. Durante lo stesso periodo, i casi di coronavirus confermati in laboratorio per 100’000 abitanti sono stati 348,92.

Secondo il Servizio sanitario coordinato (SSC), il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva a livello nazionale era del 74%. Il 32% di questi letti era occupato dagli attuali 320 pazienti di Covid 19.

  • 1