«Senza musica non avrei resistito»
Vive, soffre e suona il blues. Emozionante, coinvolgente e autentico. I brani di Philipp Fankhauser hanno radici nel più profondo della sua anima e riflettono gli alti e i bassi della sua affascinante carriera. Un’occasione per partecipare con il cuore e con la mente al concerto in livestreaming della Baloise Session @home
Redazione
<b>«Senza musica non avrei resistito»</b>
Philipp Fankhauser e la sua chitarra firmata da Buddy Guy. Che cosa rappresenta per lui lo svelerà lunedì nella Baloise Session Story della Baloise Session @home . Foto Dominik Plüss

Viviamo un’epoca che a dire il vero è ideale per i musicisti blues. Molte persone hanno il corona-blues. È un bene per il tuo lavoro?
No, non è un bene per l’attività musicale e neppure per il blues. Per essere un corona-blues sta durando un po’ troppo a lungo.

È corretto dire che il blues nasce da uno stato d’animo di tristezza?

Certo. Il grande compositore e autore di canzoni di Chicago, Willie Dixon, ha affermato: «The Blues are the true facts of life». Vale a dire una marea di emozioni. Il blues è anche intrattenimento. Il blues è anche gioia, ma la sua origine è senz’altro la malinconia. Malinconia che gli afroamericani ancora oggi devono sopportare.

Nato a Thun, attinente dell’Emmental, cresciuto in Ticino e vissuto a lungo negli USA. Dove ti senti a casa?

Mi sento a casa quando sono a Memphis, negli USA. Memphis ricorda un po’ Thun, anche come dimensione. Non troppo grande, senza grande agitazione, poca gente. Altrimenti mi sento a casa anche sul palco, luogo in cui incontro la mia band. Ovviamente però: la Svizzera è la mia patria, è una grande fortuna e ne sono felice e riconoscente.

Cosa vuoi smuovere con la tua musica?
Un caro amico mi ha detto che avrei reso felici le persone con i miei concerti. Se è così, se la mia musica riesce a risvegliare la gente e lascia una traccia allora sono felice anche io. Soprattutto però ho bisogno della musica; mi tiene in vita. Senza la musica non sarei più qui da un pezzo.

I tuoi concerti richiedono vicinanza. Alla Baloise Session @home lunedì terrai un concerto in livestreaming. Una sfida?
Sì, sicuramente! Sono felice però che alla Baloise Session @home nell’Atlantis di Basilea regni un’atmosfera da salotto, quindi non è così importante se gli ascoltatori sono nel locale o meno. Suoniamo assieme, ci possiamo guardare da vicino e di questo siamo veramente entusiasti. Attualmente suoniamo rarissimamente assieme. Sarà una bella esperienza.

LO STRAORDINARIO CONCERTO IN LIVE STREAMING BALOISE SESSION @HOME
Baloise Session, uno dei festival musicali più rinomati della Svizzera, con il patrocinio dello sponsor di lunga data Basilese Assicurazioni - che sostiene la scena musicale svizzera, all’insegna del motto «Baloise goes Music» - a marzo dello scorso anno ha inaugurato la serie di concerti in live streaming Baloise Session @home. Grazie a questa iniziativa, eventi digitali esclusivi di musica dal vivo entrano nelle case di fan e amanti della musica. I concerti vengono trasmessi su www.facebook.com/BALOISESESSION e www.baloisesession.ch/@home , inoltre sono interattivi grazie a una chat.
Lunedì prossimo, 22. febbraio alle 18:30 live online: il coinvolgente concerto in streaming di Philipp Fankhauser !

Maggiori informazioni su «Baloise goes Music»

<b>«Senza musica non avrei resistito»</b>
  • 1