Infoaziende
Prosciutto crudo affinato in Alpe Piora: rassegna da record!
un mese fa
Dal 7 al 27 novembre: raddoppiati i ristoranti iscritti con ospiti da Oltre San Gottardo

L’eccellenza del prodotto e la creatività e competenza degli chef sono gli ingredienti di un successo da record! Sì, perché la Rassegna del Pioradoro - organizzata da Ticino a Tavola e Rapelli - quest’anno ha fatto registrare un record di iscritti: ben 50 ristoranti ticinesi, tra i quali tre ospiti di Zurigo e Davos. L’esclusivo prosciutto crudo affinato in Leventina sarà ancora una volta l’assoluto protagonista di un evento che dimostra quanto i prodotti del territorio creino interesse tra i buongustai e i professionisti della ristorazione. Come sempre gli chef hanno dimostrato entusiasmo e dato sfogo alla loro grande creatività, proponendo oltre un centinaio di piatti in versioni accattivanti e innovative.

Un importante manifestazione dell’autunno gastronomico del nostro Cantone che permette di conoscere meglio i prodotti del territorio e i ristoratori che li valorizzano con tanta dedizione e passione, dandoci la possibilità di assaporare le tradizioni, i sapori e le identità ticinesi nei loro piatti.

I 50 ristoranti iscritti alla rassegna e gli oltre 100 piatti che saranno serviti, si possono scoprire su ticinoatavola.ch, rapelli.ch e sulla pagina Facebook di Rapelli e Ticino a Tavola.

 

Grazie alla collaudata sinergia tra Ticino a Tavola e Rapelli, e al patrocinio di “Ticino a Te - la rete dei produttori agroalimentari ticinesi” (la piattaforma - iniziativa del Centro di Competenze Agroalimentari Ticino), la rassegna ha come sempre l’obiettivo di promuovere il patrimonio e le tradizioni gastronomiche del nostro Cantone, valorizzando una delle eccellenze del nostro territorio, promuovendo i ristoranti che hanno scelto il Pioradoro per cucinare piatti indimenticabili.

 

I piatti della Rassegna

Ma ecco alcuni dei piatti più appetitosi che si potranno assaporare durante la rassegna, senza dimenticare classici come paste, risotti, pizze, pinze, bruschette, carpacci e taglieri arricchiti da burrate, burratine e mozzarelle di qualità: involtino di asparagi con Prosciutto crudo Pioradoro, uovo in camicia con scaglie di formaggio d’Alpe, filetti di cervo e di manzo bardati al Pioradoro, Pappardelle al Prosciutto crudo Pioradoro e porcini, cordon bleu di vitello con Pioradoro, Zola, porcini e patatine, plin di zucca e zenzero con polvere di Pioradoro, saltimbocca di diverso genere, gamberoni in camicia di Pioradoro con riso e verdure, petto pollo ripieno al mango, avocado con Prosciutto crudo Pioradoro e verdura con salsa al cocco e curry, involtino di Prosciutto crudo Pioradoro con spuma di caprino, mele, noci caramellate e cracker allo zafferano, spaghetti alla chitarra al verde di fave conditi al ragù di Pioradoro e pangrattato insaporito con aglio, salvia e prezzemolo, ravioli di selvaggina con funghi porcini e petali di Pioradoro, la quaglia allevamento “La Ciossa” avvolta nel Pioradoro, con polenta Bio rossa del Ticino e il suo fondo profumato, bauletto di pasta sfoglia con Pioradoro, pera Williams e Monteggio in crosta della Maggia, crespella al Pioradoro con mozzarella ticinese e verzetta, spiedino di polpettine di cervella di vitello in mantello di Pioradoro e porchetta ripiena con Pioradoro.

 

Il Prosciutto crudo Pioradoro

Ma quali sono i segreti di questo prosciutto crudo? Fedele alla sua filosofia volta alla ricerca della qualità, Rapelli seleziona le migliori cosce di maiale svizzere, per produrre un prosciutto eccellente senza lattosio e senza glutine o additivi alimentari. Le abili mani dei mastri salumieri di Rapelli massaggiano a mano con sale marino il Pioradoro, che viene affinato all’aria, a 2'000 metri d’altitudine, in uno degli scenari più belli dell’arco alpino. Infatti, il gusto dolce e delicato, nonché il colore rosa del prosciutto crudo sono dovuti all’aria e allo scambio termico che contraddistingue l’Alpe Piora, tra il freddo della notte e il caldo del giorno, che alla carne fa perdere d’umidità e acquisire il profumo alpino.

 

 

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata