Infoazienda
In che modo la fisioterapia respiratoria può esserti di aiuto
un anno fa
Come affrontare le patologie respiratorie croniche quali asma e BPCO e migliorare il tuo stato di Salute

È un ricordo ancora vivo quanto successo recentemente con la pandemia di Covid-19, e con questo anche la maggior attenzione per le problematiche respiratorie della persona. 

Ma come si gestisce l’approccio alle patologie respiratorie? Ne parliamo con Daniele Ferrari, fisioterapista di Fisio Salute di Morbio Inferiore, dove lavora assieme ad un team di fisioterapisti tra cui Daniele Matarozzo, Matteo Pini e Giorgio Martinelli

“Daniele, lei si occupa di problematiche respiratorie quotidianamente… Quali sono le problematiche che si trova più di frequente a gestire?” 
“Le patologie principali sono la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), le bronchiectasie, l’asma e la fibrosi polmonare idiopatica; queste comportano nel paziente una sintomatologia respiratoria cronica persistente e ricorrente con frequenti riacutizzazioni. Utilizzando termini meno medici, tutti questi sintomi portano a una mancanza di fiato da parte del paziente nella sua vita quotidiana anche nel compiere azioni che prima svolgeva senza nessun problema, presenza più frequente di secrezioni, e un abbassamento della qualità di vita a causa delle limitazioni insorte. 

“Ho capito: e quali sono i trattamenti più efficaci per intervenire su queste problematiche?”
“L’approccio che andrebbe scelto, e che utilizzo nella mia pratica clinica, è integrato: in primo luogo è necessario prendersi cura della persona dal punto di vista medico capendo le sue reali necessità, e successivamente va impostato un lavoro di fisioterapia respiratoria comprensivo di strumentazioni moderne ed efficaci che porta ad un intervento terapeutico globale basato su una approfondita valutazione del paziente seguita da trattamenti personalizzati. Questi includono riallenamento allo sforzo, disostruzione e rimozione delle secrezioni, approcci educazionali e volti alla modificazione di stili di vita. Da diverso tempo utilizzo anche strumentazioni tecnologicamente avanzate che permettono la valutazione della situazione e l’allenamento dei muscoli respiratori, con risultati numerici che posso condividere con il medico di riferimento per monitorare, insieme a lui, il progresso del paziente. 

Queste strategie terapeutiche hanno l’obiettivo di migliorare la condizione fisica e psicologica di persone affette da malattie respiratorie croniche e di favorire l’adozione di comportamenti che migliorino lo stato di salute nel lungo periodo. 

“Quali aspettative ci sono a seguito di un programma di fisioterapia respiratoria?” 
“L’obiettivo della riabilitazione dev’essere quello di migliorare lo stato di salute generale della persona: per questo motivo l’approccio terapeutico si deve basare su obiettivi tangibili. Se la persona ha la necessità di camminare per più tempo, il focus della riabilitazione dev’essere questo. Tutto deve essere ritagliato sulle esigenze del paziente.