Infoaziende
Il volontariato tra il fare e l’essere
un mese fa
Tramite il volontariato invece si incontrano persone istaurando relazioni, queste richiedono un tempo che non è quello dell’orologio ma quello del cuore.

Frequentemente si parla di volontariato ma spesso lo si riduce a un semplice gesto di generosità; in realtà nel suo valore originale è un modo di essere, di provare, di percepire il mondo, di vivere, di relazionarsi. La capacità e la determinazione che si associa al bisogno di restituire il giusto peso all’incontro con le persone significa, per un volontario, riconoscere la necessità di riappropriarsi di un tempo altro da quello del mercato che può permettersi di essere veloce perché guidato dalla pura logica del consumo.

Tramite il volontariato invece si incontrano persone istaurando relazioni, queste richiedono un tempo che non è quello dell’orologio ma quello del cuore.

Vivere la solidarietà

Il volontariato è un’esperienza unica, è solidarietà, uno strumento che porta allo sviluppo personale che deve portare alla crescita della comunità, un servizio basato sullo scambio che esige l’apertura del ricevere e la gioia nel dare.  Si può considerare come una dimensione del vivere cioè non tanto cosa faccio ma piuttosto come vivo, persone che hanno capito che nella vita il bene più prezioso sono i rapporti interpersonali. Il volontario vive questa dimensione in ogni ambito, a casa, al lavoro e di conseguenza, quando può, dona non banalmente del tempo, ma la sua persona. Si dona, non per cercare qualcosa che manca in un rapporto, ma per sentirsi completi, non è uno dono che lega ma bensì un dono che libera, una opportunità notevole di educazione alla cittadinanza solidale e attiva.

Il volontariato a Telefono Amico 143 non è un contatto occasionale ma un impegno strutturato e attivo, permette di passare dalla cultura dell’io a quella più grande, al noi. Il volontariato non è un passatempo ma un esporsi in un rapporto discreto e con la garanzia dell’anonimato. I volontari, appositamente formati, rispondono al telefono offrendo ascolto al numero di urgenza 143 tutti i giorni dell’anno 24/24 e in alcuni momenti della settimana, possono aiutare anche online tramite chat; un calendario, che certifica la presenza di un volontario, si trova nel nostro sito www.143.ch/ticino.

 

Le persone donano a persone per aiutare altre persone

Le ore donate all’ascolto sono solo la punta dell’iceberg, i volontari sono tenuti, dopo la formazione iniziale, a partecipare alla formazione permanente, solo in questo modo si può far fronte a nuovi temi che possono essere proposti da chi ci chiama raggiungendo gli obbiettivi necessari per un buon colloquio di aiuto.

Lavorare gratis non significa banalmente fare gratis, chiaramente è un servizio non pagato quindi gratuito ma che non si contrappone a quello professionale pagato. La gratuità, non essendo solamente una categoria economica, porta a pensare che la scelta volontaria sia uno stile di vita.

La gratuità non va confusa con il dono e il dono non va confuso con il regalo, è una dimensione dell’esistenza, non è una donazione a prezzo zero di cose o di tempo. Fare volontariato non significa fare una donazione ma esporsi, metterci tanto impegno. Il volontario quindi prima ancora di fare a favore dell’altro è con l’altro, al suo fianco.

Il volontario attuale risponde a un bisogno di solidarietà. Si considera il rapporto fra chi dà e chi riceve un rapporto alla pari, nella consapevolezza che nel gioco delle parti che la vita spesso si diverte a proporci, i ruoli potrebbero anche essere invertiti.

In un rapporto che ha approfondito il tema “Donare” si possono trovare tre topologie di dono: la donazione del proprio tempo e delle proprie capacità, cioè il volontariato, la donazione economica e quella biologica come il sangue oppure gli organi.

Viviamo in un momento in cui alla nostra associazione no profit è richiesto un maggiore impegno per rispondere a tutte le esigenze proposte dalla nostra comunità.

Generosità

Certamente non è mancata la generosità da parte di tutti durante questo anno, persone, enti, club, chiese,  aziende, comuni e fondazioni che ci aiutano finanziariamente per garantire i nostri servizi di telefonia e di consulenza online. Aiuti che hanno un grande valore e che ci garantiscono la continuità a favore della nostra popolazione. Interessante pensare che alla generosità delle volontarie e dei volontari si aggiunge quella dei donatori che credono nel nostro impegno quotidiano e nel grande valore delle nostre prestazioni.

Giving Tuesday, giornata mondiale della generosità

Da dove viene Giving Tuesday?

150 Paesi celebrano le buone azioni, per questo anno sarà martedì 29 novembre.

Giving Tuesday è stato lanciato nel 2012 dalle organizzazioni americane 92nd Street Y e dalla Fondazione delle Nazioni Unite come risposta a due altre giornate, il Black Friday e il Cyber Monday, due giorni dedicati al commercio al dettaglio e a quello su Internet.

Nasce così la Giornata del Dono, un giorno in cui siamo tutti invitati a donare, nel senso più ampio del termine.

In dieci anni questo movimento si è trasformato in un vero e proprio movimento globale che ispira milioni di persone a donare e a collaborare impegnandosi ogni giorno verso l’obbiettivo comune, costruire un mondo più giusto e solidale.

 

 

Telefono Amico Ticino e Grigioni italiano

Collabora dal 1997 con il DSS del Cantone per la Legge in Aiuto alle Vittime di reato (LAV) e dal 2009 partecipa attivamente rispondendo al numero verde 0800 000 330 per il Progetto di Prevenzione Gioco Patologico,GAT-P 

I volontari rispondono 24/24 tutti i giorni dell’anno al numero 143 e al numero verde di prevenzione al gioco patologico, si occupano di consulenza online tramite la chat alla quale ci si collega direttamente dal sito www.143.ch/ticino  e ha un calendario stabilito.

I volontari attivi sono una cinquantina, sono formati per assolvere il loro compito, offrire un colloquio di aiuto non giudicante e anonimo.  Sono tenuti a partecipare alla formazione permanente e a garantire il servizio per una durata di almeno 2 anni.

 

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata