Ue, triplicati gli ingressi illegali
Sono cresciuti dell’82% nei primi cinque mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2021. Il numero maggiore di arrivi registrato sulla rotta balcanica
di keystone-ats/sca
Ue, triplicati gli ingressi illegali
Immagine Shutterstock

Nei primi cinque mesi del 2022 gli ingressi illegali nell'Ue sono cresciuti dell'82 % rispetto allo stesso periodo del 2021 arrivando a quota 86'420. Il numero maggiore di arrivi (40675, il triplo rispetto a gennaio-maggio 2021) è stato registrato sulla rotta balcanica: I dati sono stati resi noti oggi da Frontex, l'agenzia per il controllo delle frontiere esterne Ue. Nel Mediterraneo centrale, cioè la rotta che porta i migranti verso l'Italia, l'aumento del flusso è stato del 15% per un totale di 16'828 casi registrati. Un'impennata degli arrivi (più 447%) è stata registrata anche per gli ingressi illegali sulle frontiere Ue che guardano a Est sebbene il numero complessivo dei migranti irregolari sia stato di appena 2155. In decisa flessione invece gli arrivi sulla rotta del Mediterraneo orientale, dove c'è stata una flessione del 17% rispetto al 2021. Quando alle nazionalità maggiormente presenti tra i migranti, Frontex segnala tra l'altro che sulla rotta balcanica sono stati soprattutto afghani, siriani e turchi ad attraversare i confini dell'Unione.

  • 1