Strasburgo, 18’000 ricorsi contro il Green pass
La Cedu ha dichiarato oggi irricevibile il ricorso di un cittadino francese e lo hanno criticato per aver messo in atto una strategia per inondare l’Alta corte di ricorsi
di Keystone-ATS/MJ
Strasburgo, 18’000 ricorsi contro il Green pass
Immagine Shutterstock

La Corte europea dei diritti umani ha dichiarato irricevibile il ricorso presentato da un cittadino francese contro il green pass istituito nel Paese e che ha creato il movimento ‘No Pass’. I giudici hanno inoltre criticato l’uomo per aver messo in atto una strategia per inondare la Cedu di ricorsi simili al suo. Sinora Strasburgo ne ha ricevuto 18 mila.

“Obbliga le persone a vaccinarsi”
L’autore del ricorso ha sostenuto che la legge sul pass sanitario serve sostanzialmente a obbligare le persone a vaccinarsi, ma secondo lui il vaccino rischia di far soffrire fisicamente chi lo fa e ne minaccia l’integrità fisica. Inoltre ha affermato che il pass sanitario costituisce un’ingerenza discriminatoria nella vita privata dei cittadini.

La corte rigetta il ricorso
Nella decisione definitiva di rigettare il ricorso, la Cedu osserva che l’uomo non ha fornito informazioni che dimostrino come la legge sul pass sanitario violi i suoi diritti. Inoltre i giudici affermano che hanno dichiarato irricevibile il suo ricorso anche perché l’uomo non ha presentato la sua causa davanti ai tribunali francesi, e allo stesso tempo non è riuscito a dimostrare che questo non sarebbe servito a nulla, due condizioni essenziali perché la Cedu esamini un ricorso.

“Abusato del diritto di ricorso”
Infine, i giudici contestano all’uomo di aver abusato del suo diritto di ricorso alla Cedu con una strategia che aveva come solo scopo quello di “imbottigliare, ingolfare e inondare” la Corte di Strasburgo.

  • 1