“Sì, i nostri dipendenti fanno pipì in bottiglie di plastica“
Amazon ammette infine le proprie responsabilità di fronte alle critiche sollevate da un deputato al Congresso di Washington
di Keystone-ATS/Redazione
“Sì, i nostri dipendenti fanno pipì in bottiglie di plastica“
Foto Shutterstock

Amazon si è scusata con il deputato democratico al Congresso Usa Mark Pocan, il quale aveva accusato il colosso fondato da Jeff Bezos di costringere i suoi autisti a urinare nelle bottiglie di plastica, pur di rispettare i tempi nella consegna delle merci.

Dopo aver respinto seccamente per settimane le affermazioni del membro del deputato del Wisconsin, la società alla fine ha ammesso la sua responsabilità, sottolineando come aver negato sia stato “un autogol“.

A colpi di tweet
Tutto nasce da un tweet di Pocan: “Retribuire i dipendenti con 15 dollari l’ora non vuol dire che si tratti di un posto di lavoro all’avanguardia, soprattutto se li costringi a fare la pipì nelle bottiglie di plastica“, aveva postato il deputato, riferendosi alla cifra a cui in America i democratici vorrebbero portare il salario minimo.

“Sappiamo - ha ammesso Amazon in una nota postata su un blog - che a volte i nostri guidatori possono avere problemi nel trovare la toilette a causa del traffico o a volte perché percorrono strade in zone rurali, e questo specialmente nel periodo della pandemia quando molti bagni pubblici sono stati chiusi“. Una risposta ben differente dalla prima reazione al tweet di Pocan in cui Amazon aveva ironizzato: “Veramente crede che facciano la pipì nelle bottiglie? Se fosse così nessuno lavorerebbe per noi“.

“Non scusatevi con me, fatelo con i vostri fattorini”
Pocan ha reagito ieri alle scuse della compagnia per mezzo di un altro tweet, in cui invita Amazon non tanto a scusarsi con lui, ma a migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti, facendo anche riferimento alla recente controversa sulle adesioni ai sindacati da parte dei lavoratori, fortemente osteggiate dall’azienda.

  • 1