Gran Bretagna
"Sex party" in Cattedrale e parroco suicida, indagine del Vaticano a Newcastle
© Wikimedia - hasano_jp, CC BY 3.0
© Wikimedia - hasano_jp, CC BY 3.0
16 giorni fa
Alcuni fedeli durante il confinamento per il Covid sarebbero stati invitati dal decano di Newcastle a partecipare a dei festini. Dei parrocchiani hanno denunciato il fatto alla diocesi. L'indagine vaticana dovrà far chiarezza sulla vicenda.

Se non bastavano le denunce per abusi, come per il recente caso del gesuita Marko Rupnik, o la segnalazione di 'club' gay all'interno dei seminari, come detto da Benedetto XVI nel libro uscito postumo per sua volontà, ora un'altra tegola si abbatte sulla Chiesa cattolica: presunti 'sex party' durante il lockdown per il Covid. La storia arriva da Newcastle in Gran Bretagna, diocesi che aveva visto un canonico morire suicida e un vescovo dimettersi. Ora un'indagine del Vaticano, affidata al vescovo di Liverpool, monsignor Malcolm Patrick McMahon, dovrà verificare se la notizia dei 'festini in cattedrale' è vera e se i successivi fatti sono in qualche modo connessi tra loro.

Gli appelli all'unità

Un momento non facile dunque per la Chiesa di Papa Francesco che anche oggi torna a lanciare un appello all'unità: "La soluzione alle divisioni non è opporsi a qualcuno, perché la discordia genera altra discordia. Il vero rimedio comincia dal chiedere a Dio la pace, la riconciliazione, l'unità", scrive sui social Bergoglio. E in Italia il cardinale presidente della Cei, Matteo Zuppi, ha aperto il consiglio permanente proprio dicendo che "solo l'unità permette alla comunità di essere creativa" e dunque bisogna evitare "alcune discussioni, calcoli e polarizzazioni". Il cardinale di Lussemburgo, Jean-Claude Hollerich, oggi in Vaticano per presentare una iniziativa con le altre confessioni cristiane, invece minimizza: "Non sono preoccupato che ci siano differenti opinioni nella Chiesa cattolica, è abbastanza normale".

Il presunto "sex party" in cattedrale

Un'indagine straordinaria è stata dunque decisa dal Vaticano per un presunto 'sex party', durante il lockdown, nella cattedrale di St Mary a Newcastle. Questo 'incidente' potrebbe essere - almeno secondo la stampa inglese - all'origine delle dimissioni di Robert Byrne da vescovo di Hexham e Newcastle, lo scorso dicembre. All'arcivescovo di Liverpool, che sta conducendo le indagini, è stato chiesto di preparare un rapporto approfondito sugli eventi che hanno portato appunto alle dimissioni del vescovo Byrne. Ma al momento non si sa se il vescovo fosse alla presunta festa o ne fosse comunque a conoscenza.

Festini e suicidio sono legati?

Durante il lockdown, padre Michael McCoy, che all'epoca era il decano e che successivamente è morto suicida, avrebbe chiesto a diversi fedeli se volessero partecipare a un "sex party" all'interno di una proprietà adiacente alla cattedrale di St Mary, a Newcastle. Alcuni parrocchiani hanno denunciato il fatto alla diocesi. L'indagine vaticana avrebbe dunque più obiettivi: verificare se i fatti denunciati siano realmente accaduti e se siano connessi al suicidio di McCoy e alle successive dimissioni del vescovo Byrne.

I tag di questo articolo