Navi romane bruciate dai nazisti, comune italiano chiede risarcimento
Il comune di Nemi ha chiesto alla Germania di pagare i danni per le storiche navi dell’imperatore Caligola, bruciate dalle truppe tedesche nel 1944
di Keystone-ATS
Navi romane bruciate dai nazisti, comune italiano chiede risarcimento
Foto Wikimedia Commons

I nazisti in ritirata bruciarono le navi di Caligola e ora il comune di Nemi chiede i danni alla Germania. La giunta comunale della cittadina laziale ha votato una delibera su proposta del primo cittadino, Alberto Bertucci per chiedere i danni alla Germania per la distruzione “delle due famose navi romane dell’Imperatore Caligola”.

Le due navi, ritrovate nel secolo scorso tra il 1928 e il 1932, furono ‘dolosamente e intenzionalmente bruciate la notte del 31 maggio 1944 dal 163° Gruppo Antiaereo Motorizzato tedesco che occupava la zona ed era in ritirata’.

Dunque “quel danno irreparabile di un bene archeologico non fu il risultato di una imprevedibile azione bellica ma -spiega il sindaco Bertucci- un consapevole gesto di sfregio. Per questo chiediamo il risarcimento”.

“Si ritiene - aggiunge il Sindaco Alberto Bertucci” di sottoporre a giudizio risarcitorio nei confronti della Repubblica Federale di Germania per i danni morali e materiali subiti dalla collettività di Nemi a causa dell’irreparabile danno causato a un bene archeologico di inestimabile valore”.

“Abbiamo ritrovato relazioni, ampie documentazioni, testimonianze: i nazisti allontanarono tutti i residenti e il custode. Decisero di dare alle fiamme quei tesori. Non c’è dubbio”, aggiunge Bertucci.

Il sindaco (che guida una lista civica di centro) però va oltre: “Noi non chiediamo semplicemente i danni. Vorremmo che, con un gesto significativo di spirito europeo, le autorità tedesche collaborassero con noi per ricostruire ciò che emerse delle due navi ricorrendo alle nuove tecnologie di riproduzione. Grazie a un libro dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato del tempo, abbiamo una grande mole di dati, misure, immagini per procedere a un’opera di riproduzione, in concorso col governo tedesco e magari con la mediazione del nostro ministero per i Beni e le attività culturali”.

  • 1