Francia
La scomparsa del piccolo Emile: ritrovate le ossa del bambino
© Shutterstock
© Shutterstock
Redazione
12 giorni fa
Si è concluso nelle peggiore dei modi il giallo sulla sparizione del piccolo Emile Soleil, di 2 anni e mezzo, che era scomparso otto mesi fa nei pressi della frazione di Haut-Vernet.

Come riportato nell'articolo del giornale francese Le Monde, la procura di Aix-en-Provence ha annunciato di aver ritrovato i resti di Emile Soleil sabato scorso, vicino al luogo (frazione di Vernet) in cui era stato visto per l'ultima volta otto mesi fa, data della sua scomparsa.

Il comunicato

"Il 30 marzo 2024, la Gendarmeria Nazionale è stata informata del ritrovamento di ossa nei pressi della frazione di Vernet. Gli investigatori hanno preso possesso delle ossa, che sono state immediatamente trasportate all'IRCGN [Istituto di ricerca criminale della Gendarmeria Nazionale] per le analisi di identificazione genetica, che hanno portato alla conclusione, il 31 marzo, che si trattava delle ossa del bambino Emile Soleil". Nel suo comunicato stampa, il procuratore ha annunciato che "l'IRCGN sta continuando l'analisi forense delle ossa", mentre la Gendarmeria Nazionale "dispiegherà risorse per intraprendere ulteriori ricerche nell'area geografica in cui sono state trovate".

L'ultimo avvistamento

Il piccolo Emile era stato visto da solo per l'ultima volta verso le 17.15 dell'8 luglio 2023, nei pressi della piccola frazione di 25 abitanti situata a circa 2 chilometri dal villaggio di Le Vernet (125 abitanti). Il bambino stava per trascorrere le vacanze estive nella seconda casa dei nonni materni.

Un caso di "sparizione sospetto"

Inizialmente avviato come caso di "sparizione sospetta" a Digne-les-Bains, l'indagine è stata rapidamente affidata a due giudici istruttori di Aix-en-Provence, prima di essere riclassificata come un caso penale di "rapimento" e "falsa detenzione". Il ritrovamento delle ossa segna un significativo passo avanti nelle indagini. Nessuna delle piste era stata esclusa, sebbene l'ipotesi di una caduta accidentale fosse stata indebolita dalle numerose ricerche organizzate nei dintorni della località, durante le quali non era stato rinvenuto alcun corpo.

Le ricostruzioni

Quasi nove mesi dopo l'avvio delle indagini, giovedì gli inquirenti hanno riunito la famiglia di Emile, i vicini e i testimoni del luogo. In totale, 17 persone sono state convocate dalla magistratura al fine di ricostruire gli ultimi momenti in cui il bambino è stato visto.