Estero
“La satira è al centro della nostra democrazia”
Immagine Shutterstock
Immagine Shutterstock
7 mesi fa
Il presidente francese Emmanuel Macron ha insistito sull’importanza della libertà di stampa. “Dobbiamo continuare a difenderla”

Il presidente francese Emmanuel Macron, nel corso di una cerimonia a Parigi ha fortemente insistito sull’importanza della libertà di stampa, confermando l’apertura di un futuro centro dedicato alle vignette satiriche nella capitale francese. Un’idea a lungo promossa dal celebre disegnatore di Charlie Hebdo, David Wolinski, barbaramente ucciso nell’attentato alla sede del giornale il 7 gennaio 2015. “Non cederemo nulla della libertà di espressione, inclusa la libertà di fare delle caricature”, ha avvertito Macron nel corso della cerimonia di auguri all’associazione della stampa presidenziale a Parigi.

“È una libertà al centro della nostra democrazia, costitutiva della nostra Repubblica” e “dobbiamo continuare a difenderla”, ha aggiunto il presidente, che già in passato si schierò in difesa del diritto di blasfemia. La ‘Maison internationale du dessin de presse’ sorgerà in un edificio del sesto arrondissement di Parigi e “i lavori cominceranno appena possibile, in partenariato con il comune e la regione Ile-de-France. Macron ha precisato che 2 milioni di euro sono già stati messi a disposizione dal ministero della Cultura per la realizzazione del progetto.

Dedicato allo scambio, al dibattito, alla formazione e alle esposizioni, il centro lavorerà in partenariato con “partner nelle regioni e in Europa”, ha assicurato il presidente. Oggi ricorre il settimo anniversario della marcia dell’11 gennaio 2015, quando milioni di persone scesero in piazza a Parigi e in tutta la Francia in omaggio alle vittime dell’attentato contro la redazione di Charlie. “Lo spirito dell’11 gennaio continuerà a vivere”; ha assicurato Macron dinanzi ai cronisti riuniti all’Eliseo. In un testo pubblicato il 5 settembre scorso su Libération, la vedova di Wolinski e sei vignettisti, tra cui due superstiti dell’attentato, si erano appellati al presidente affinché realizzasse la ‘Maison européenne du dessin de presse’. Oggi la risposta positiva del presidente. Secondo l’Eliseo, il centro dovrebbe aprire entro “due o tre anni”.

© Ticinonews.ch - Riproduzione riservata