La Polonia si toglie dalla Convenzione contro la violenza sulle donne
Ieri si sono svolte diverse manifestazioni contro questa decisione
di Keystone-ATS
La Polonia si toglie dalla Convenzione contro la violenza sulle donne
©Gabriele Putzu

Lunedì prossimo il governo di Varsavia comincerà il processo di disdetta della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul).

Lo ha annunciato oggi il ministro guardasigilli Zbigniew Ziobro. In conferenza stampa Ziobro ha spiegato che secondo lui la Convenzione, varata nel 2011 e firmata dalla Polonia un anno dopo, contiene «concetti ideologici» non condivisi dall’attuale esecutivo polacco, fra cui quello sul sesso «socio-culturale» in opposizione al sesso «biologico».

Ziobro ha assicurato che la legge polacca in vigore tutela «in modo esemplare» i diritti delle donne e risponde cosi a tutte le esigenze imposte dalla Convenzione di Istanbul. Ieri contro la decisione del governo si erano svolte a Varsavia e in oltre 20 città del paese le manifestazioni delle donne polacche convinte che la decisione dell’esecutivo inciderà negativamente sulla situazione della donne sopratutto in famiglia.

  • 1