L’Unione europea riapre ma non agli Usa
Gli Stati Uniti fuori dai paesi ai cui cittadini è ammessa l’entrata in Ue, per i cinesi invece non ci saranno limitazioni se ci sarà reciprocità.
Redazione
L’Unione europea riapre ma non agli Usa
Foto Shutterstock

L’Unione europea riapre, da domani primo luglio, le sue frontiere esterne a 15 Paesi terzi, tra cui la Cina, ma a condizione di reciprocità. Fuori dall’elenco gli Stati Uniti. Lo si apprende a Bruxelles dopo il voto dei Paesi membri alle raccomandazioni e alla lista. A poter tornare in Europa saranno i cittadini di Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del sud, Thailandia, Tunisia e Uruguay. Per la Cina, invece, sono in corso approfondimenti per capire se i cittadini europei saranno ammessi da Pechino.

Per decidere questa lista le autorità europee si sono basate sui contagi nelle ultime due settimane, via libera a chi ha mostrato un’incidenza del Covid-19 minore rispetto a quello dell’Ue.

  • 1