L’Isis uccide 10 persone in Nigeria
I terroristi hanno compiuto la strange nello stato del Borno, nel nord-est della Nigeria
di Keystone-ATS
L’Isis uccide 10 persone in Nigeria
Immagine Shutterstock

Uomini armati che si sospetta siano collegati all’Isis hanno ucciso dieci persone, tra cui una donna, nell’ultima strage compiuta nello stato del Borno, nel nord-est della Nigeria. Lo hanno riferito all’Afp fonti di una milizia locale.

Le vittime sono state uccise a colpi d’arma da fuoco mentre raccoglievano rottami di veicoli bruciati durante operazioni militari condotte nel villaggio di Goni Kurmi, vicino alla città di Bama.

I jihadisti di recente avevano già attaccato civili che raccoglievano rottami di loro vetture accusandoli di spiare per conto dell’esercito. Lo «Stato Islamico della Provincia dell’Africa Occidentale» (Iswap), che si è separato dagli estremisti islamici Boko Haram nel 2016, è diventato la minaccia principale nel nord-est della Nigeria.

Nella tarda serata di ieri terroristi dell’Iswap hanno anche attaccato nella città di Monguno uccidendo tre miliziani e rapendo tre civili, secondo fonti della sicurezza e operatori umanitari.

Già il 7 giugno, 23 persone in cerca di rottami erano state uccise da uomini armati presumibilmente dall’Iswap nel villaggio di Magdala, nel vicino distretto di Dikwa. A fine maggio altre 30 persone erano state massacrate a Mudu, nello stesso distretto. Secondo le Nazioni Unite, dal 2009 la violenza jihadista ha ucciso oltre 40.000 persone e ha causato circa due milioni di sfollati nel nord-est del più popoloso Paese africano.

  • 1